Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nei paesi del Golfo, ricchi e poveri non sono uguali nell’affrontare il caldo: “Dovrebbero aggiungere più animali, come gli orsi polari o le foche”.

E alcuni come lui 30 Milioni di lavoratori stranieri che vivono nei paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman, Qatar) faticano sotto il sole cocente del Tropico del Cancro. Sono pastori, operai edili, addetti alla manutenzione o alla sicurezza, fattorini e giardinieri, e sono le prime vittime della disuguaglianza di fronte al cambiamento climatico che sta causando l’innalzamento della temperatura nella penisola arabica. L’organismo delle Nazioni Unite responsabile della valutazione scientifica dei cambiamenti climatici, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), stima che il grado di cambiamento climatico oscillerà tra +2,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali dal 1850 al 1900 entro il 2100, nelle proiezioni più ottimistiche. Scenario e + 6,3°C In uno scenario in cui l’umanità è soddisfatta dello status quo.

Muscat, Oman - 31 maggio 2024: Snow Oman è il più grande snowpark al coperto del Medio Oriente, portando un'esperienza a 0°C nella regione desertica.  Ma il consumo di energia e acqua solleva preoccupazioni ambientali.
Mentre i lavoratori stranieri a basso reddito provenienti dagli stati del Golfo, soprattutto dai paesi emergenti dell’Asia e dell’Africa, si preparano ad affrontare temperature estive fino a 50 gradi Celsius, i cittadini di queste monarchie petrolifere e la forza lavoro qualificata dal canto loro, si barricano nelle spazi climatizzati. © Sebastian Castelier

Sciare sulle dune di sabbia ghiacciate

Mentre i lavoratori stranieri a basso reddito provenienti dagli stati del Golfo, soprattutto dai paesi emergenti dell’Asia e dell’Africa, si preparano ad affrontare temperature estive fino a 50 gradi Celsius, i cittadini di queste monarchie petrolifere e la forza lavoro qualificata dal canto loro, si barricano nelle spazi climatizzati. Il simbolo più visibile di questa dicotomia è l’emergere dell’“intrattenimento zero”, che comprende piste di pattinaggio, parchi di neve artificiale, piste da sci al coperto e una proposta di stazione sciistica all’aperto in Arabia Saudita.

Gli Emirati Arabi Uniti organizzeranno una conferenza delle Nazioni Unite sul clima nel 2023. Un annuncio che spaventa. Il Paese fa affidamento sulla tecnologia per prolungare la vita dei combustibili fossili.

In estate non è possibile fare attività all’aria aperta ad Amman, fa molto caldo, quindi il posto migliore dove andare è sulla neve! È un’esperienza unica. Dice Hamna Arif, una madre pakistana che vive nella capitale dell’Oman, Muscat. Amman nevoso, aperto presto 2023 Secondo l’operatore del centro commerciale degli Emirati Majid Al Futtaim, Il guanto : “Scendi sulle dune di sabbia ghiacciate e scopri un mondo emozionante a temperature gelide. Lo snowpark comprende una pista di pattinaggio sul ghiaccio e un pinguinarium, che ospita i pinguini reali e pappa. “Non appena ho aperto la porta, mi ha ricordato la mia infanzia, perché la casa di mio padre si trova nel nord di Teheran, dove ci sono neve e stazioni sciistiche. […] Dal mio punto di vista l’installazione non è così impressionante, ma hanno un ottimo argomento di marketing: il freddo. Tuttavia, dovrebbero aggiungere più animali, come ad esempio gli orsi polari o le foche“, suggerisce Sahar Derakhshani, iraniana che vive a Muscat. Snow Oman è l’ultimo di una serie di snowpark che Majid Al Futtaim sta costruendo in tutto il Medio Oriente sulla scia di Ski Dubai, il primo concetto di intrattenimento sotto zero lanciato nel 2005 che ha attratto 11 milioni di visitatori durante i primi 15 anni della sua esistenza. Le capitali saudita, del Qatar e del Kuwait non sono state escluse dai loro parchi innevati. L’Arabia Saudita progetta di costruire la prima stazione sciistica all’aperto del Golfo sulle rive del Mar Rosso. trogena, Venduto dalle autorità come destinazione.”Fornire esperienze uniche e incentrate sull’uomoI Giochi Asiatici Invernali del 2029 saranno ospitati su neve artificiale per tre quarti dell’evento.

Muscat, Oman - 31 maggio 2024: Snow Oman è il più grande snowpark al coperto del Medio Oriente, portando un'esperienza a 0°C nella regione desertica.  Ma il consumo di energia e acqua solleva preoccupazioni ambientali.
Nonostante gli sforzi profusi, l’impatto ambientale ed energetico degli snowpark nei Paesi del Golfo desta preoccupazione. La penisola arabica è una delle regioni più calde del mondo. © Sebastian Castelier

Da Doha a Dubai, passando per Manama, Riyadh e Kuwait, il pattinaggio sul ghiaccio è attraente. “I miei genitori mi portavano allo Zayed Sports City almeno una volta al mese per imparare a pattinare. Ancora oggi io e mia moglie andiamo lì regolarmente a pattinare sul ghiaccio. E non siamo gli unici, qui il pattinaggio è molto popolare tra i giovani, perché è un luogo dove ci si incontra per socializzare. dice David De Silva, un produttore audiovisivo dello Sri Lanka cresciuto ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti.

READ  La città di Kryvyi Rig è minacciata di inondazione dopo un raid russo, "L'acqua scorre a 100 metri cubi al secondo" (video)

Impatti significativi dell’anidride carbonica e dell’acqua

Rispondendo ad una domanda sull’impatto ambientale ed energetico degli snowpark nei paesi del Golfo, Sahar Derakhshani ha dichiarato: “Gli stranieri che vengono a vivere nel Golfo adottano uno stile di vita più rilassato e si allontanano dalla loro mentalità rigida, anche per quanto riguarda il consumo energetico. Dopo un po’ di tempo nella zona, decidono di usare l’aria condizionata per 24 ore o di passare il pomeriggio nella nevosa Amman perché gli manca la neve.

Ma il costo energetico di queste attività ricreative solleva interrogativi in ​​una regione in cui sono già presenti tutti i paesi Primi 15 Il mondo dei paesi in cui il consumo totale di energia pro capite è il più vorace. “Potresti pensare che Ski Dubai richieda enormi quantità di energia, ma il nostro sistema è incredibilmente efficiente dal punto di vista energetico. “, se difendere Nel 2023 il direttore generale del sito Phil Taylor.

Le immagini dell’aereo che avanzava a tutta velocità sulla pista dell’aeroporto di Dubai, bagnato sotto una forte pioggia, hanno ricordato ai paesi del Golfo quanto siano colpiti dal cambiamento climatico.

Alfa Laval, il fornitore svedese di Ski Dubai, afferma che il parco può essere descritto come: “Uno dei frigoriferi più efficienti – e più grandi – al mondo. Secondo Enova, che lavora per migliorare il consumo di questa infrastruttura, Ski Dubai consuma meno energia dell’hotel 120 camera da letto. Elettricità che la regione non vuole decarbonizzare. Alcuni 40% Infatti, l’elettricità saudita viene prodotta bruciando barili di petrolio, mentre la combustione di gas naturale domina la produzione di elettricità in altri stati del Golfo, rilasciando così grandi quantità di gas serra nell’atmosfera.

READ  Vladimir Putin annuncia che la flotta russa riceverà un nuovo missile ipersonico "nei prossimi mesi".

Al costo energetico degli snowpark si aggiunge il consumo di acqua. Secondo Alfa Laval, i cannoni da neve situati sul tetto dello Ski Dubai producono ogni notte tra le 30 e le 40 tonnellate di neve utilizzando acqua dolce, sostituendone una quantità simile per garantire la freschezza della neve. 6000 Tonnellate di neve dal parco. La neve rimossa viene sciolta e riciclata una volta nell’impianto di climatizzazione del centro commerciale, prima di essere utilizzata a fine vita per irrigare parchi e giardini.

Il problema è che la penisola arabica è una regione del mondo Più Colpito dallo stress idrico. I paesi del Golfo consumano le loro acque sotterranee a un ritmo elevato Ritmo In modo allarmante, si stanno costruendo impianti di desalinizzazione dell’acqua di mare alimentati da combustibili fossili che sconvolgono ulteriormente il clima, aumentando nel contempo la domanda di attività ricreative a 0°C. Circolo vizioso.