Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Negozi Intermarche a Bruxelles in sciopero, il bilinguismo fonte di tensione

Il consiglio di conciliazione è in programma mercoledì alle 14.

Tempo di lettura: 1 minuto

ilIl sindacato CNE ha annunciato in un comunicato stampa che cinque negozi “Intermarché by Mestdagh” a Bruxelles sono in sciopero da mercoledì mattina. Questi sono i negozi di Uccle, Forest, Schaerbeek, Molenbeek e Jette.



Oltre al malcontento causato dall’acquisizione di un gruppo di supermercati da parte del marchio francese Intermarché, che ha trasformato i negozi integrati in un modello di franchising, il tempo di fermo è spiegato da una realtà sul terreno specifica dei supermercati di Bruxelles. Secondo l’Unione cristiana.

“Intermarché è un’azienda francese e non vuole investire automaticamente in un negozio bilingue di Bruxelles e in un paio di negozi di lingua olandese. Conseguenze: i lavoratori sono tenuti a stampare e incollare etichette su ogni prodotto del marchio Intermarché, individualmente e in un’organizzazione del lavoro caotica”, denuncia il CNE.


Leggi anche
Acquisizione Intermarche di Mustastagh: nessun licenziamento previsto

Secondo il sindacato cristiano, la direzione ha anche deciso “senza consultazione” di utilizzare lavoratori di un’azienda esterna, “senza formazione e su base temporanea, mentre tale lavoro rimarrà ripetitivo finché non ci saranno altre soluzioni”.

L’ufficio di conciliazione dovrebbe essere mercoledì alle 14 per affrontare questi vari punti, osserva il NEC.

READ  Prezzi del gas: qui i francesi risentono di un aumento del 15% nel 2023!