Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ne Il nemico, Stefan Stricker si è ispirato a un famoso dramma belga: “Nessuno sa cosa è successo davvero” | cinema

colloquioDopo aver ottenuto un vero successo internazionale con il suo film Noces del 2016, il regista belga Stephane Stricker torna con “The Enemy”, un lungometraggio basato sulla vicenda di Bernard Weisville. Attraverso questo film, dà un certo sguardo alla verità, ma lascia agli spettatori l’idea del giudizio morale. Ci sono molte domande senza risposta nel suo lavoro. “Il dubbio è più eccitante della certezza”, afferma il regista belga nelle colonne di 7 Sura.




Un famoso politico (Jeremy Rainier) è accusato di aver ucciso sua moglie (Alma Jodorowsky), che è stata trovata morta una notte nella loro stanza d’albergo sul Mare del Nord. È colpevole o innocente? Nessuno lo conosce. E forse anche questo”, dettaglia la sinossi del film, che uscirà nelle sale mercoledì 26 gennaio. Un contesto che ci ricorda subito il caso di Bernard Weisville, da cui il film è stato così liberamente ispirato. , il politico belga è stato accusato dell’omicidio della moglie, Veronique Perroton, prima di essere assolto nel 2016 a favore del dubbio.

Domande senza risposta

Con The Enemy, Stephan Streker riparte da una storia vera per reinventarla completamente secondo i suoi stessi occhi. Il regista mette alla prova la nostra percezione della verità, della colpa e dell’intima convinzione. “Ciò che ha suscitato il mio interesse per questa storia è stato il fatto che, anche se nessuno sapeva davvero cosa fosse successo, tutti ne avevano la certezza. Alla fine ho capito che questa certezza parla più delle persone stesse che del problema. Volevo essere come vicino il più possibile al personaggio, mentre le certezze che pesano su di lei vengono da altrove”. Il regista ricorda che se parte da un incidente molto reale, reinventa l’intera storia. “Il cinema è l’arte di mentire. Tutto è fatto.”

READ  Pascal Obispo racconta il dietro le quinte di "France", e il suo album ha scritto a France Gall: "Quando ho rifiutato le mie composizioni, mi sono detta che avevo fatto bene".

E il regista belga aggiunge: “Penso che le domande siano più interessanti delle risposte. Si aprono dove le risposte si chiudono. Trovo anche il dubbio più interessante della certezza. Già per ‘Noces’, una storia le cui opinioni erano molto più chiare, alcune persone mi dicevano di ha avuto dubbi dopo aver visto il film più di prima. E questo per me è stato un grandissimo complimento. Oggi, nell’era dei social network, tutto è ancora binario: sì, no, colpevole, innocente. E il cinema ha la responsabilità di offrire qualcosa di più profondo di questo, rispettando ancor di più la complessità delle cose”.

Stefano Stricker © Foto Notizie

Scene molto crude “che servono la storia”

Stefan Stricker ha scelto deliberatamente di visualizzare sullo schermo immagini estremamente crude, comprese scene di sesso particolarmente brutali, ma anche il corpo senza vita della vittima che giace sul pavimento del bagno. “Penso che fosse necessario. Penso che queste siano scene che servono al film date le circostanze. Lui (il personaggio interpretato da Jeremy Rainier, ndr) è privato di tutto. Lo abbiamo anche perquisito da vicino alla stazione di polizia, e volevo per dimostrarlo”.

Alma Jodorowsky spiega anche come ha vissuto queste scene particolarmente intime. “Ci siamo fidati subito l’uno dell’altro. Volevamo lavorare insieme su tutto ciò che era fisico, perché come attori amiamo quando passa attraverso il corpo. Queste scene erano così importanti per noi, perché hanno permesso di capire la relazione oltre parole. La scena del sesso, era un vero pregiudizio. Che fosse così aggressivo, raccontava qualcosa sulla coppia. Anche se queste scene non sono belle da girare, perché richiedono una certa forza, quando giustificate, non dobbiamo preoccuparci. Sappiamo perché li stiamo facendo”.

Un film sul Belgio?

Quando guardi il film Enemy, noti i molti riferimenti all’unicità del Belgio. Nel film la protagonista è praticamente il primo ministro, ma lei non parla la prima lingua del paese, il fiammingo. Inoltre, è una vera celebrità in Vallonia, ma è quasi sconosciuto nelle Fiandre. E vengono proposti altri paradossi locali. Non tutte queste posizioni si trovano in altri paesi. Solo nel nostro Paese si vede un primo ministro che non parla fiammingo”. Ancora una volta, non mi resta altro che la storia originale che mi interessa. Il regista dice che in Francia il suo lavoro è visto come “un film sul Belgio”.

Jeremy Renè

Jeremy Renè © DR – Paradiso

coppia intelligente

La coppia sullo schermo degli attori principali è stata senza dubbio uno dei maggiori punti di forza del film. L’amore appassionato, distruttivo e tossico è reso perfettamente da Jérémie Renier e Alma Jodorowsky. Erano così meticolosi nel loro ruolo, ci infastidiscono regolarmente grazie all’intensità del loro gioco. E per Stephen Stricker, Jeremy Rainier era in chiaro. “Chi altri? Non ci sono molti altri attori belgi di lingua francese di quell’età e livello. (…) Gli ho mandato il messaggio e il giorno dopo mi ha chiamato. È stato così veloce, facile e istantaneo”.

L’arrivo dell’attrice francese Alma Jodorowsky nel progetto è stata una vera benedizione per il regista belga. “Alma è un miracolo. Alma è un’artista. È straordinaria. Ha portato tutta la sensibilità e la vulnerabilità necessarie al suo ruolo. Alma era una vera giocatrice d’azzardo. È stata l’ultima ad essere assunta. Avevo grandi speranze, ma non lo ero” Sì. Alla fine, lavorare con lei è stato un vero piacere”.

L’attrice trentenne racconta come si è preparata per il suo ruolo in “Enemy”. “Non ho mai sentito parlare del caso Wesphael. Stefan ci ha chiesto di non leggere o istruirci su questa storia, quindi l’ho ascoltato e non l’ho ascoltato. (…) Quanto al mio carattere, non l’ho fatto Non voglio essere nei cliché dell’isteria o della donna assassina. Soprattutto, ho cercato di capirlo e accettarlo e non giudicarlo. Poi, dopo, ho cercato davvero di capire cosa sarebbe successo nella sua vita per arrivarci “Penso che la forza di questo film sia nella complessità dei personaggi e nella costruzione della sceneggiatura”, ha concluso. È una vera storia di labirinti in cui ci immergiamo immediatamente. Per me, c’è davvero un’atmosfera davvero unica che ci porta totalmente in questa storia.

“The Enemy”, diretto da Stefan Stricker, andrà in onda mercoledì 26 gennaio.

-

© DR – Paradiso