Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Naufragio di migranti in Italia: il bilancio delle vittime sale a 34

Sono oltre 60 le persone disperse dopo che la barca a vela è affondata al largo delle coste calabresi nella notte tra domenica e lunedì, e 11 persone sono state salvate.

“Oggi sono stati recuperati 14 corpi… In totale, sono stati recuperati 34 corpi”, ha affermato la Guardia Costiera in un comunicato.

Proseguono le operazioni di ricerca aerea e marittima per ritrovare le persone scomparse.

La Guardia Costiera ha detto giovedì che sono stati ritrovati altri 12 corpi, tra cui donne e bambini.

Medici Senza Frontiere ha dichiarato all’inizio di questa settimana che i sopravvissuti avevano denunciato la scomparsa di 66 persone, tra cui almeno 26 bambini.

L’imbarcazione, partita da Türkiye, affondò a circa 120 miglia nautiche dalla costa calabrese. Medici Senza Frontiere ha riferito che tra i dispersi figurano famiglie afghane.

Dieci corpi sono stati trovati in un’altra barca di migranti affondata lunedì al largo dell’isola italiana di Lampedusa, secondo l’organizzazione umanitaria tedesca ResQship.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, lo scorso anno sono morti o dispersi nel Mediterraneo circa 3.155 migranti e dall’inizio dell’anno sono morte o scomparse più di 1.000 persone.

Il Mediterraneo centrale è la rotta migratoria più mortale al mondo e rappresenta l’80% dei decessi e delle persone scomparse nel Mediterraneo.

Molti migranti lasciano la Tunisia o la Libia in barca per l’Europa, dove l’Italia è spesso il loro primo punto di arrivo.

Il numero degli arrivi è diminuito notevolmente dall’inizio dell’anno, con 24.100 persone arrivate in Italia finora, rispetto a oltre 57.500 nello stesso periodo del 2023, secondo il Viminale.