Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

NATO: la risposta di Stoltenberg alla minaccia di Erdogan di negare l’adesione alla Svezia

Sabato, a Stoccolma, un estremista ha bruciato un Corano davanti all’ambasciata turca. Da allora, il presidente turco Erdogan ha dichiarato che la Svezia non può più contare sul “sostegno” di Ankara.

ilLunedì il segretario generale della NATO ha criticato la posizione del presidente turco che minaccia di bloccare l’adesione della Svezia alla NATO dopo che un estremista ha bruciato una copia del Corano sabato a Stoccolma.

In un’intervista alla TV tedesca lo scienziatoIl norvegese Jens Stoltenberg, in un comunicato stampa in tedesco per il canale, ha condannato la posizione di Recep Tayyip Erdogan sulla Svezia. “La libertà di espressione, la libertà di opinione è un bene prezioso, in Svezia e in tutti gli altri paesi della NATO. Ecco perché questi atti indecenti non sono automaticamente illegali.


Leggi anche
La Turchia è preoccupata per la recrudescenza del terrorismo

Il militante danese-svedese di destra Rasmus Paludan ha bruciato una copia del Corano sabato a mezzogiorno in un atto volto a condannare i negoziati della Svezia con Ankara sulla NATO. “Il governo svedese ha condannato (questa manifestazione) in termini molto chiari”, ha ricordato Stoltenberg nella sua intervista a lo scienziato.

Lunedì, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha risposto con forza, dichiarando che la Svezia, candidata all’adesione alla Nato, non poteva più contare sul “sostegno” di Ankara dopo questo rogo. Il signor Stoltenberg ha affermato di essere “contro questo tipo di insulto verso gli altri” e “assolutamente contrario a questo comportamento che abbiamo visto per le strade di Stoccolma”.

READ  «On a passé un checkpoint et ils se sont mis à nous tirer dessus», blessé, l'autre giornalista témoigne


Leggi anche
Turchia: Recep Tayyip Erdogan riaccende le tensioni con l’Occidente

La Turchia ha impedito a Svezia – e Finlandia – di entrare nella NATO da maggio, accusandole di ospitare militanti curdi e loro simpatizzanti, che ha descritto come “terroristi”, in particolare del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e dei suoi alleati nel nord della Siria e Iraq. Per Ankara, qualsiasi potenziale progresso dipende dalle mosse svedesi per estradare le persone accusate di terrorismo dalla Turchia o di aver partecipato al tentativo di colpo di stato del 2016 contro Erdogan.

Nonostante questo contesto, Stoltenberg ritiene che la Turchia abbia finora dimostrato di essere pienamente collaborativa nel dibattito sull’adesione alla NATO. La ratifica dei protocolli di adesione ora non dovrebbe fallire negli ultimi metri. “Sono in stretto contatto con Finlandia, Svezia e naturalmente con il nostro alleato Turchia”, ha aggiunto. Secondo lui, 28 paesi della NATO su 30 hanno già dato il loro consenso nei loro parlamenti nazionali. Ha concluso dicendo: “Certo, chiedo anche ai due restanti alleati – Ungheria e Turchia – di accelerare queste misure nei loro parlamenti”.


Leggi anche
Adesione alla NATO: la Turchia non sosterrà la candidatura della Svezia