Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mucchi di bagagli e code interminabili: come si spiega il caos negli aeroporti europei?

Bagagli ammucchiati a perdita d’occhio. Il caos è visibile negli aeroporti di Montreal, Toronto e Atene. Difficile per i viaggiatori Trovano la loro borsa in mezzo al caos.. Puoi anche vedere le lunghe code all’aeroporto di Amsterdam. Come siamo arrivati ​​qui?

“Durante l’epidemia abbiamo licenziato un’intera catena di dipendenti. Il problema è che il trasporto aereo è una catena di servizi. Se scioperano i vigili del fuoco l’aeroporto è fermo, se sono doganieri, così come il Astuccio”, Spiega Patrick Ansbach, giornalista specializzato in aeronautica.

Anche se troviamo dipendenti, dobbiamo formarli

I dipendenti ora desiderano orari di lavoro più confortevoli e uno stipendio più adeguato alla natura del loro duro lavoro. Di conseguenza, il settore ha difficoltà ad assumere. “Stiamo cercando dappertutto. I sindacati ovviamente dicono ‘cerca dipendenti’ ma noi non ne abbiamo nessuno. Non riusciamo più a trovare quelli che se ne sono andati durante la pandemia. E anche se troviamo dipendenti, dobbiamo formarli . E questo non è stato fatto in un mese”, dice Patrick Ansbach.

Per contrastare questa carenza, è tempo di cancellare i voli. Amsterdam – Schiphol vuole ridurre la sua capacità del 30% nei prossimi tre mesi. Lufthansa annulla 3.000 voli in luglio/agosto, Brussels Airlines 700 nello stesso periodo. Air Canada e la compagnia scandinava SAS dovrebbero rivedere al ribasso i loro voli. Il settore dovrà trovare strategie per rendere attraenti i suoi posti di lavoro.

READ  Elon Musk vende il 10% delle sue azioni Tesla a causa di un sondaggio su Twitter