Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Morto a 90 anni Desmond Tutu, simbolo della lotta all’apartheid e alla “coscienza” del Sudafrica

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha annunciato la morte di Desmond Tutu domenica 26 dicembre, all’età di 90 anni. L’ex arcivescovo di Cape Town, eroe della lotta contro l’apartheid e vincitore del premio Nobel per la pace, ha incarnato la “coscienza” del Sudafrica. Il suo carisma, la sua lotta contro l’apartheid e la sua difesa della riconciliazione razziale lo hanno reso una delle figure più popolari del paese, quasi alla pari di Mandela.

Mbelo – il suo nome africano, che significa “vita” – traboccava di vita. Potrebbe facilmente accendersi durante i suoi discorsi anti-apartheid e potrebbe usare il suo umorismo e il suo talento come attore per far ridere il suo pubblico. Parlando di cancro alla prostata, nel 2006, spiegò al Sunday Times che “Il suo trattamento mira a congelarlo per eliminarlo. Ma non si congela ovunque perché voglio celebrare le mie nozze d’oro con stile!“.


►►► Archivio da scoprire: Desmond Tutu: “Il Belgio potrebbe non aver bisogno di un governo” (2011)


Nato nel 1931, figlio di un insegnante e di una governante, Toto è stato influenzato da un fervente prete di origine inglese di nome Trevor Huddleston, che ha servito all’altare. È impressionato dal fatto che questo uomo bianco lo visiti spesso quando sviluppa la tubercolosi all’età di 16 anni e rimane isolato in ospedale per venti mesi. Studente brillante, Totò fu accettato in medicina. Ma le tasse sono troppo alte e devono trattenere l’istruzione. All’università, ha invitato Nelson Mandela a una discussione. Non si sono più rivisti fino al 1990, quando quest’ultimo ha scelto di trascorrere la sua prima notte con Toto, a Cape Town, dopo la sua scarcerazione.

Possono provare qualsiasi cosa ma niente mi farà tacere!

READ  Il tornado del Kentucky uccide almeno 50 persone (video)

Dopo essere diventato insegnante nel 1953, Toto sposò la compagna di classe Leah: entrambi smisero troppo in fretta per protestare contro la scarsa istruzione che l’apartheid imponeva ai neri. Ispirato da Huddleston, sostituì il gesso con l’incensiere e nel 1961 divenne il primo prete anglicano nero della nazione. Dopo aver conseguito un master in teologia a Londra nel 1966, è diventato cappellano della Black University a Fort Hare dove ha scoperto il “Black Consciousness Movement”, sviluppato da Steve Biko, e la “teologia della liberazione”. In quegli anni inizia la sua partecipazione politica.

Dopo un nuovo soggiorno in Inghilterra (1972-1975) e viaggi in Africa (in particolare nello Zaire dove rimase allibito dal regime di Mobutu), la sua brillante carriera occupò la “prima pagina” sui giornali: fu il primo uomo di colore di nome Dean dell’arcidiocesi di Johannesburg (1975), poi vescovo (1988-1986), e infine arcivescovo di Cape Town (1986-1996), capo della Chiesa anglicana in Sudafrica. anche lui Il primo segretario generale nero del Consiglio mondiale del Sudafrica (1978-1985).

Dall’alto del suo pulpito, condanna il regime dell’apartheid.A volte all’improvviso“Come dirà in seguito, riceve minacce di morte e la confisca del passaporto, ma il suo vestito idilliaco e la sua fama crescente lo proteggono dal peggio”, ha aggiunto.Possono provare qualsiasi cosa ma niente mi farà tacere!‘, esclama vivace, durante un sermone nella cattedrale di Johannesburg.

Molti bianchi, anche progressisti, odiano le sue richieste di sanzioni internazionali. Il presidente lo ha denunciato come “il nemico numero 1 del popolo” Peter Willem Bothae Ha detto in un’intervista al Mail and Guardian:Ho sofferto molto per essere considerato un orco“.

Leader virtuale del movimento anti-apartheid



3 foto





Foto di Desmond Tutu scattata il 23 marzo 1985 © Getty Images

Nel 1983, Tutu ha sponsorizzato il lancio del Fronte Democratico Unito, un movimento di massa anti-apartheid. “Dove la maggior parte dei leader era assente (In carcere o in esilio, ndr)Per impostazione predefinita, diventi un leaderDisse, ingannevolmente umile. E adoro le luci!Indossando il suo famoso cappello nero, un padre di quattro figli non esita a condurre manifestazioni, e conduce anche i funerali per le vittime del regime.

Ha spesso svolto il ruolo di mediatore tra le autorità ei giovani attivisti.“”, ricorda il giornalista Barney Mtumbuti. “Totu denuncia la repressione poliziesca come gli eccessi del movimento anti-apartheid. Interviene per salvare una vittima della tortura dei ‘colletti bianchi’ (la cornice fiammeggiante assegnata ai neri sospettati di collaborare) nel 1984, consacrazione quando ricevette il premio Nobel per la pace. .

Commissione Verità e Riconciliazione

Le prime elezioni democratiche del 1994 gli hanno portato un nuovo ruolo: costruire la “nazione arcobaleno”, lo slogan che si è inventato. Tutu è a capo della “Commissione per la verità e la riconciliazione” (1995-1998), responsabile dell’evidenziazione delle atrocità passate. Il tocco cristiano che infonde nelle masse, ma anche il suo stile autoritario, non piace a tutti. Alcuni membri del comitato chiudono la porta.

Con suo sgomento, Tutu non è riuscito a persuadere né i leader dell’apartheid (Peter W. Botha e Frederic de Klerk) né il presidente Thabo Mbeki ad ammettere la responsabilità delle violazioni dei diritti umani commesse da entrambe le parti durante gli anni di lotta. sotto l’apartheid. Quando l’ANC ha voluto bloccare la pubblicazione del rapporto, è stato un momento molto difficile per tutti noiRicorda Yasmine Souka, uno dei membri del corpo. Toto ci ha davvero supportato. L’omino non ha mai avuto paura di tener testa al più grande di questo mondo.


►►► Leggi anche: Desmond Tutu, paladino della riconciliazione: ‘Abbiamo scelto la tolleranza alla vendetta per evitare un bagno di sangue’


Tutu denunciò in seguito la corruzione che affliggeva il partito di governo, l’African National Congress (ANC) e in particolare Quel presidente molto corrotto Jacob Zuma. Nel 2011, ha lasciato esplodere la sua rabbia, quando il suo amico, Al Dalai Lama, invitato a festeggiare i suoi 80 anni a Cape Town, viene negato il visto. Il governo dell’ANC èPeggio dell’apartheid!‘, rimproverato in una conferenza stampa.’Signor Zuma, vi avverto […]. Un giorno pregheremo per la sconfitta dell’ANC“. In risposta, a Tutu è stato negato il suo discorso durante il funerale del suo amico Mandela nel 2013.

Durante la sua vita, il premio Nobel per la pace non ha mai smesso di schierarsi, di denunciare l’omofobia e l’invasione dell’Iraqe Repressione contro i palestinesi e molte altre ragioni. “voi tutti mondo dei sogni [meilleur] ?Ha detto agli studenti durante una conferenza alla Columbia University nel 2014. Quindi, per favore, non lasciarti inquinare dal sarcasmo.

Newsletter Informazioni RTBF – Africa

Ricevi ogni settimana le principali notizie sul tema dell’Africa. Tutte le informazioni dal continente africano presto nella tua casella di posta.

ok