Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA

Morte Mollo, inquirenti a lavoro per definire eventuali responsabilità

Cava de’ Tirreni. Morte Gioacchino Mollo, tragica fatalità o incidente che poteva essere evitato?

È la domanda alla quale inquirenti e magistratura cercheranno di dare una risposta a seguito dei drammatici fatti di mercoledì mattina quando, in viale Crispi, un grosso pino della villa comunale “Falcone e Borsellino” è stato sradicato dal vento, travolgendo fatalmente il medico sessantunenne Gioacchino Mollo.

La salma dell’uomo è ancora trattenuta presso l’obitorio del civico cimitero cavese in attesa che venga disposto l’esame autoptico.

Nel frattempo, però, ieri mattina gli investigatori hanno consegnato nelle mani della Procura di Nocera Inferiore il faldone che mette insieme una serie di documentazioni in merito alla dinamica dell’accaduto, alle testimonianze dei presenti e dei soccorritori e soprattutto tutte le relazioni pregresse in merito allo stato di salute delle alberature del parco “Falcone e Borsellino”.

In particolare del pino marittimo caduto, a firma degli agronomi incaricati dal Comune che ormai da più di un anno studiano le condizioni dei diversi esemplari arborei presenti in città.

In ogni caso – considerate le disposizioni del sostituto procuratore presso il tribunale di Nocera Inferiore, Federica Lo Conte – la questione necessita di maggior approfondimenti e che con tutta probabilità nei prossimi giorni saranno disposti precisi e mirati interrogatori per accertare le responsabilità dell’accaduto e capire se si possa essere trattato di un incidente che si poteva evitare.

È quanto, in buona sostanza, chiedono anche i familiari della vittima che in queste ore si sono chiusi in un mesto e religioso silenzio, in attesa che gli organi competenti restituiscano la salma del congiunto per poter disporre dei dovuti funerali.

Intanto anche da Palazzo di Città si è in attesa delle disposizioni degli inquirenti che hanno già provveduto a sequestrare e apporre i sigilli alla villa comunale e nelle prossime ore ascolteranno il sindaco Vincenzo Servalli, l’assessore all’ambiente e alla manutenzione Nunzio Senatore e il dirigente del settore competente Antonino Attanasio.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi