Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno video

Monte Sant’Angelo continua a bruciare. Sgomberate alcune case a Cava. Le fiamme arrivano a Tramonti.

Abitazioni sgomberate e un monte che da tre giorni continua a bruciare. L’odore acre, il caldo asfissiante, l’assenza di mezzi di soccorso ha fatto poi il resto.

Monte Sant’Angelo è una zona di fatto dimenticata dai mezzi di soccorso e divorata dalle fiamme, non ha più una cima perché completamente avvolta dal fumo. Una situazione andata via via peggiorando dallo scorso 8 agosto quando le prime fiamme sono partite dalla cima. In quell’occasione due sono stati gli elicotteri, uno dei Vigili del Fuoco l’altro del Servizio Anticendio Boschivo della Regione Campania, che per quasi ventiquattro ore hanno fatto da spola tra la montagna e la vasca di acqua di 19 mila litri approntata all’ex velodromo, a due passi dal Comando della Polizia locale cavese.

Impossibile operare da terra per via di alcuni ordigni della seconda guerra mondiale rimasti inesplosi.

Si arriva così a ieri quando, per tutta la mattinata, ha operato un solo Canadair, giunto da Roma. Il mezzo antincendio ha cercato di arginare le fiamme che su più fronti stavano pericolosamente lambendo le abitazioni. Dalla cima del monte, il fuoco ha avuto vita facile per via delle numerose sterpaglie secche presenti nel sottobosco che hanno spinto il fuoco ed il fumo verso la località San Martino e la zona alta di Passiano. Alle 08:02 l’arrivo ufficiale in zona del Canadair, intorno alle 11 invece, l’arrivo di un elicottero Ericsson.

Entrambi i mezzi aerei sono stati coordinati da terra dagli uomini dell’Antincendio Boschivo che sostano nei pressi del Comando di Polizia locale.

Un punto strategicamente valido perché consente di osservare il monte su entrambi i fronti. Data la facile manovrabilità, l’elicottero ha cominciato subito a scaricare acqua sul fronte sud-est dell’incendio, quello al confine con la Costiera Amalfitana. Neanche il tempo di effettuare sette interventi che il mezzo aereo è stato dirottato a Benevento per un altro incendio. Poche ore dopo, intorno alle 13:30, il Canadair è dovuto ritornare alla base di Lamezia Terme per il rifornimento di carburante e per il cambio dell’equipaggio.

Una pausa stimata di quasi due ore e mezza, allo scadere delle quali gli uomini sul posto hanno scoperto che, di ritorno dalla Calabria, quel Canadair diretto a Cava de’ Tirreni era stato spostato prima a Camaldoli poi a Roma.

Insomma, per tutto il pomeriggio di ieri la situazione a Monte Sant’Angelo si è drammaticamente evoluta. “Nessun mezzo aereo a disposizione” è stato più volte riferito dalla Regione. A quel punto l’ordinanza di evacuazione firmata dal sindaco Vincenzo Servalli è diventata l’unica via percorribile. Il vento e l’assoluta inadeguatezza dei mezzi aerei hanno portato le fiamme ad un centinaio di metri dalle case e così il primo cittadino, dopo aver interpellato il Prefetto di Salerno, Salvatori Malfi, ha dovuto firmare l’ordinanza di sgombero per alcuni residenti a San Martino e Contrapone.

«Al termine dell’emergenza sarà necessaria un’attenta riflessione – ha riferito Servalli al termine del COC – sulle criticità emerse, le insufficienze e i ritardi nelle operazioni di spegnimento».

Scopri l'Autore

Antonio Ioele

Antonio Ioele

10 anni, tra Italia ed estero, tra radio, tv, carta stampata e web. Da febbraio 2017 sono il delegato dello "Studio Associato laRed" (P.IVA 05569100653), proprietario della testata giornalistica laRedazione.eu.

Il portale www.laredazione.eu è fisicamente alloggiato presso i server di Aruba S.p.A.

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi