Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mondiali 2022: favoriti, sconosciuti… E se il Qatar fosse incoronato nuovo campione del mondo?

Sono 25 a credere fermamente nel canone della serie. Perché 12 anni fa, la Spagna è diventata l’ottava nazione a inserire il proprio nome nella lista dei Mondiali, grazie al gol di Andres Iniesta dopo i tempi supplementari contro l’Olanda (1-0). Perché 12 anni fa, anche la Francia ha vinto la sua prima stella battendo il Brasile allo Stade de France (3-0). Perché dopo 12 anni, questo Mondiale si terrà in Qatar. E se un nuovo arrivato deve essere incoronato ogni 12 anni, la sera del 18 dicembre ci sarà un nono paese nel club dei campioni del mondo.

Ma chi ci crede davvero? La Spagna, ispirata dalla scintillante partita del Barcellona nel 2010, era tra le favorite in Sudafrica. Come la Francia nel 1998, con una costellazione di stelle guidate da Zinedine Zidane e dai suoi tifosi che sostenevano la Coppa del Mondo in casa. Nel 2022, quando si tratta di pronosticare il futuro vincitore del torneo in Qatar, raramente esce dal cilindro un nome da rookie. Sicuramente non è peggio. Sulla strada trafficata per raggiungere l’ambito trofeo, probabilmente è meglio indossare una maschera.

Coppa del Mondo

Benzema: non mi arrendo mai ma devo pensare alla squadra

3 ore fa

Portogallo, favorito dagli outsider

Di tutti i paesi alla ricerca del loro primo titolo mondiale, ce n’è ancora uno che prende più luce degli altri. Il Portogallo non è proprio citato tra i favoriti della competizione, ma è così ben armato che non sembra affatto essere un outsider. Sia collettivamente che individualmente, con elementi in grado di dare energia ai passaggi (João Cancelo, Nuño Mendes), portare un valore aggiunto creativo (Bernardo Silva, Bruno Fernandes, João Felix) o eliminare (Rafael Leão). E ha un capitano, Cristiano Ronaldo, al suo apice motivazionale, pronto a sfogare le sue frustrazioni al Manchester United per quello che sarà sicuramente il suo ultimo Mondiale.

Dal Brasile al Portogallo: ecco i nostri favoriti per i Mondiali

Ciò che lo separa dal gruppo. L’Olanda, tre volte finalista ai Mondiali, non ha molti argomenti anche se può contare su una buona spina dorsale con Frenkie de Jong, Matthijs de Ligt e Virgil van Dijk. Ma sembra che manchino figure di leadership nell’attacco. Il Belgio non sembra essere così competitivo come lo era nel 2018. Hanno Kevin De Bruyne al top del suo gioco, ma Eden Hazard e Romelu Lukaku sono ben lungi dal mostrare lo stesso livello della Russia. È meno prevedibile e resta da vedere se ciò non lo renderà più pericoloso.

C’è anche chi parte da lontano, ma nulla dice che non arriverà più in alto. Come la Danimarca, arrivata alle semifinali dell’Europeo e pronta a giocare un altro brutto scherzo alla Francia, come nell’ultimo confronto (2-0). L’inesauribile croato Luka Modric ha raggiunto la finale nel 2018. E se il podio finale del debuttante non è una preoccupazione di un paese europeo, andremo volentieri in Senegal. Il suo primo titolo continentale dovrebbe dargli un appetito globale, anche se le sue ambizioni hanno preso il comando sulla fascia Il branco del suo leader e capocannoniere, Sadio Mane.

Brasile anno?

Ma il vero ostacolo per tutti questi Paesi alla ricerca della prima stella è la concorrenza. Non è meno potente rispetto alle versioni precedenti, anzi. Il Brasile è l’esempio perfetto. La Selecao è automaticamente tra le favorite a ogni Mondiale, ma sembra avere tutte le carte in regola per mettere fine a una siccità ventennale. Talento in tutte le posizioni, una forza lavoro super fornita in quantità e qualità, caratteristiche versatili in attacco… Neymar è nella migliore forma della sua vita come dimostra il suo esplosivo inizio di stagione al Paris Saint-Germain.

“Dove ho vissuto c’era molto da fare”: Richarlison, dai pericoli della strada ai mondi

Ma questo è anche il caso dei suoi due amici nell’attentato di Parigi. Tra le favorite anche l’Argentina, guidata da Lionel Messi, e la Francia, guidata da Kylian Mbappe. Potrebbe essere più evidente per l’Albicelesti, che ha finalmente ottenuto un vantaggio con Christian Romero (fisicamente fragile) e Lisandro Martínez per dare vita ai suoi talenti offensivi. Gli azzurri sono più svantaggiati. Le assenze per infortunio di N’Golo Kante e Paul Pogba hanno lasciato un enorme vuoto in mezzo a protezione di una difesa che già mostrava gravi segni di ansia. Didier Deschamps deve trovare un equilibrio. Se ci riuscirà, potrà contare su una schiera di stelle in attacco, da Kylian Mbappe a Karim Benzema passando per Antoine Griezmann, Kingsley Coman e Ousmane Dembele per farlo crescere.

E poi ci sono anche quegli ex vincitori che potrebbero rivendicare il titolo se non fossero all’altezza delle aspettative all’alba del torneo. Particolarmente formidabile sarà la Germania, che cerca il riscatto dopo il fiasco russo. La Spagna ha ritrovato i suoi colori, anche se le manca ancora un attaccante di livello mondiale. La nazionale uruguaiana rimane un uomo forte incarnato da Federico Valverde, che impressiona dall’inizio dell’anno. L’Inghilterra è un po’ indietro, ma l’altopiano è lì a confermarlo. Un novellino può ancora vincere, dodici anni dopo. Ma sarebbe una sensazione infernale.

McAllister, Un sogno argentino

Coppa del Mondo

I Mondiali dall’Italia: come i media si sono preparati al vuoto

3 ore fa

Coppa del Mondo

Terribile per Benzema, terribile per i Blues

3 ore fa

READ  Conference League : La Gantoise s'incline 1-2 contre le PAOK et ne verra pas les quarts de finale