Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Missione sulla Luna, Giorno 3: Tutto va bene per la nave Orion

La navicella spaziale Orion della NASA è in viaggio verso la luna, con la Terra sullo sfondo, in una foto rilasciata dall’agenzia spaziale il 16 novembre 2022.

Nel terzo giorno della sua missione spaziale, venerdì la NASA ha accolto con favore le prestazioni della navicella Orion, che è in viaggio verso la luna dopo il decollo dalla Florida, come “superiore alle aspettative”.

Questa nuova capsula dovrebbe portare gli astronauti sulla Luna nei prossimi anni, la prima a mettere piede sulla sua superficie dall’ultima missione Apollo nel 1972. Questo primo volo di prova, senza equipaggio a bordo, dovrebbe essere prima utilizzato per garantire che il velivolo sia sicuro.

“Ci siamo riuniti oggi per esaminare le prestazioni della navicella Orion (…), che va oltre le aspettative”, ha dichiarato Mike Sarafin, responsabile di questa missione chiamata Artemis.1, durante una conferenza stampa.

I quattro pannelli solari della navicella, che hanno un diametro di circa 4 metri, sono correttamente dispiegati e “forniscono più potenza” del previsto, ha affermato Jim Jeffrey, capo ufficiale di Orion presso il Johnson Space Center di Houston. Là, in Texas, c’è il posto di controllo attraverso il quale viene comandata la nave.

Già situato a 320.000 km dalla Terra, Orion si prepara ad eseguire le prime spinte principali programmate durante la missione con i suoi motori.

Questa manovra, che avverrà lunedì mattina presto, porterà la navicella spaziale a soli 100 chilometri circa dalla superficie lunare, in modo da sfruttare la forza di gravità. Poiché ciò avverrà dietro il lato più lontano della Luna, la NASA dovrebbe perdere il contatto con il veicolo spaziale per circa 35 minuti.

READ  WhatsApp: ecco 3 nuove funzionalità che ti semplificheranno la vita

“Passeremo sopra alcuni dei siti di atterraggio dell’Apollo”, ha detto Jeff Radigan, direttore di volo della NASA, anche se sono in ombra. Un video del cavalcavia verrà rilasciato in seguito.

Quattro giorni dopo, un secondo lotto di motori metterà Orion in una lontana orbita lunare. La nave volerà fino a 64.000 chilometri dietro di essa, un record per una capsula abitabile.

Inizierà quindi il suo viaggio di ritorno sulla Terra, dove è previsto l’atterraggio nell’Oceano Pacifico l’11 dicembre, dopo poco più di 25 giorni dall’inizio del viaggio.

Il successo di questa missione dipende dal futuro di Artemis 2, che porterà gli astronauti intorno alla luna senza atterrare, e poi di Artemis 3, che determinerà finalmente il ritorno degli esseri umani sulla superficie lunare. Queste missioni dovrebbero svolgersi ufficialmente rispettivamente nel 2024 e nel 2025.

Come ha spiegato venerdì Mike Saravin, al momento del lancio erano già stati schierati 10 accurati satelliti scientifici, ma metà di essi presentava problemi tecnici o di comunicazione. Questi esperimenti, condotti separatamente da team indipendenti, non hanno alcun impatto sul compito principale.