Campania Cultura e Spettacolo Salerno

Mini Expò di Casa Betania, cultura e usi dal mondo

mini expò casa betania

Mini expò dedicato a cultura, usi e costumi dal mondo a Salerno. A promuoverlo Casa Betania, associazione impegnata nell’accoglienza.

Mini Expò di Casa Betania. Terza edizione per l’evento dell’organizzazione di volontariato di Salerno.
L’evento si terrà domenica 26 novembre a Salerno, in piazza San Francesco. Saranno i Frati Minori Cappuccini ad aprire le porte del chiostro, che per l’occasione si trasformerà in un piccolo cuore pulsante di accoglienza.

La struttura sarà allestita con diversi stand che rappresenteranno gli stili di vita, la cultura e i valori di alcune comunità presenti nel mondo. Ogni stand racconterà una storia, un momento, un percorso tratto dalla vita dei tanti ospiti di Casa Betania. Donne, bambini e ragazzi, accolti nelle diverse comunità di accoglienza dell’associazione. Realtà attiva dal 1980 nell’ascolto e nella accoglienza delle persone in difficoltà.

Alle ore 10.30 si terrà la cerimonia di inaugurazione. Presenti padre Antonio Tomay, presidente di Casa Betania, Enzo Napoli, sindaco di Salerno, Nino Savastano, assessore alle Politiche Sociali e Paola De Roberto, consigliere comunale. Insieme ai rappresentanti istituzionali prevista la partecipazione degli OIC  -Oltre i confini, gruppo musicale italo-gambiano, i CBOYS con il frontman Lamin Ceesay e l’esibizione di ginnastica ritmica dell’associazione sportiva Crilena.

L’iniziativa rientra nell’ambito del bando progettazione sociale 2015 sostenuta da Sodalis CSV Salerno.

Accoglierà i partecipanti lo stand l’Est Europa con il salottino orientale e le storie e i racconti di donne. A seguire il Nord Europa con il villaggio di Santa Claus e poi il Nord America con il lavoro di ricerca e documentazione, svolto dagli studenti del Liceo Classico “Tasso” di Salerno, sulle personalità italiane di successo in America. Si passa poi al Sud America con la rappresentazione di una tipica posada e a seguire si arriva nel deserto dell’Africa Mediterranea animato dai ragazzi del Liceo Classico “De Santis”.

Il percorso si conclude con la mostra missionaria permanente che racconta le attività dei Frati Cappuccini in Africa Centrale.

“Un occhio su un mondo, quello dell’accoglienza e dell’integrazione, spesso strumentalizzato, ma che nasconde dentro di sé grandi potenzialità. Questo evento vuole creare uno spazio per tutte quelle storie che negli anni abbiamo conosciuto e che meritano di essere promosse”, commenta padre Antonio Tomay presidente di Casa Betania.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi