Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Meta e Google boicottano uno dei maggiori eventi tecnici del mondo dopo le dichiarazioni del suo fondatore contro Israele

Meta e Google boicottano uno dei maggiori eventi tecnici del mondo dopo le dichiarazioni del suo fondatore contro Israele

Diverse aziende e ospiti di alto profilo hanno deciso di boicottare la conferenza dopo i messaggi di Paddy Cosgrave, l’organizzatore, che ha affermato su X (ex Twitter) di essere “scioccato dalla retorica e dalle azioni di molti leader e governi occidentali” a sostegno di Israele .

“I crimini di guerra sono crimini di guerra, anche quando commessi da alleati, e devono essere condannati per quello che sono”, ha scritto il 13 ottobre 2009 a Dublino l’uomo d’affari irlandese cofondatore del gruppo.

Da allora ha rilasciato delle scuse, ma ciò non sembra aver raffreddato i suoi rapporti con diversi partner.

Il colosso dei social media Meta ha dichiarato all’AFP che non parteciperà al Web Summit, senza fornire dettagli sui motivi.

“Alla fine non saremo presenti al Web Summit”, ha dichiarato da parte sua Google all’Irish Independent, il quale riferisce che il colosso di Internet è uno dei partner commerciali dell’evento annuale.

Dopo i primi messaggi di Paddy Cosgrave, è emersa un’ondata di boicottaggi nei confronti del prossimo Web Summit, che prevede di accogliere dal 13 al 16 novembre circa 2.300 startup e più di 70.000 partecipanti, tra i big della tecnologia.

“Mi rifiuto di partecipare al Web Summit e annullo la mia partecipazione”, ha dichiarato ad esempio su

Scuse

È stato notevolmente imitato in un post su LinkedIn.

L’ambasciatrice israeliana in Portogallo, Dore Shapira, ha notato sullo stesso social network che “decine di aziende hanno già cancellato le loro visite” e ha avvertito che Israele non parteciperà alla mostra.

E martedì, Paddy Cosgrave ha finalmente rilasciato una dichiarazione di “scuse”: “Mi rendo conto che le mie parole, i tempi e il modo in cui sono state pronunciate hanno ferito profondamente molte persone”.

READ  Chi è Guido Domare, il belga Bernard Tapie pronto a prendere in mano la casa costruttrice Van Hool?

Ha ammesso, dicendo: “Ciò di cui abbiamo bisogno ora è compassione, e non è quello che ho fatto”, ribadendo la sua condanna del “brutale” attacco di Hamas.

Martedì ha confermato su Channel X di aver ricevuto molti messaggi di sostegno da Israele e da altre parti del mondo.

Il 7 ottobre Israele è stato vittima di un attacco senza precedenti da parte del movimento islamico palestinese Hamas. Più di 1.400 persone sono state uccise in Israele da questo attacco. La maggior parte di loro erano civili, morti il ​​giorno dell’attacco, l’attacco più sanguinoso dalla fondazione dello Stato di Israele.

Secondo le autorità locali, gli attacchi di ritorsione israeliani hanno ucciso più di 4.100 persone, la maggior parte dei quali civili palestinesi, tra cui centinaia di bambini.

Gli abitanti di Gaza assediati e bombardati attendono con impazienza l’ingresso dei primi convogli di aiuti internazionali, che per loro è una questione di “vita o di morte”, secondo le Nazioni Unite.