Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mentre il Motor Show di Bruxelles è riuscito a far tornare il pubblico, i visitatori non sono stati sempre completamente soddisfatti

Una scommessa vincente per il Motor Show di Bruxelles, dopo due anni di assenza, il pubblico è tornato puntuale per questo centenario. Circa 271.000 visitatori (un numero che non è stato ancora confermato al momento in cui scriviamo) hanno percorso i corridoi del Palazzo Heysel. Non male, anche se di poco inferiore ai 300.000 visitatori sperati dagli organizzatori.

I visitatori non sono sempre soddisfatti

In ogni caso, gli organizzatori come gli espositori parlano di successo, anche se più sottile da parte dei visitatori.

Alcune delle persone che abbiamo intervistato si sono lamentate del fatto che questo spettacolo fosse molto più piccolo rispetto agli altri anni (quasi il doppio delle sue dimensioni a causa della mancanza di stanze disponibili) e quindi il palazzo fosse più difficile da navigare.

Altri sono rimasti delusi dalla mancanza di piattaforme completamente dedicate alle moto, ma anche dall’alto costo dei veicoli offerti.

Rimostranze che gli organizzatori conoscono bene e di cui terranno conto nella prossima edizione: “Ovviamente per il salone 2024 dovremo lanciare un messaggio: è importante presentare vetture magari un po’ più economiche, più entry-level; Auto che al grande pubblico potrebbero essere più abbordabili rispetto ai modelli top di gamma che potrebbero essere presentati al salone nel 2023Christophe Dupont, portavoce di Vibiac, la Federazione belga di automobili e biciclette, riconosce.

Uno spettacolo ancora segnato dalla crisi

Da parte degli espositori ci diciamo anche noi molto soddisfatti, anche se ci rendiamo conto che la situazione economica è ancora complicata: “Quando abbiamo concepito lo spettacolo, non eravamo affatto sicuri che il pubblico sarebbe tornato, quindi è un sollievoJean-Marc Pontville dice della collezione D’Ieteren.

READ  Il Lightyear 2 promette un'autonomia di 800 km a soli 40.000 euro

Ovviamente c’è l’ipertrofia. C’è anche questa transizione che conosciamo da qualche parte, ed è un po’ spaventosa e solleva molte domandeQuesto funzionario aggiunge.Ovviamente abbiamo ancora le conseguenze della pandemia, della crisi dei semiconduttori e della carenza, ad esempio, di camionisti, il che significa che i tempi di consegna rimangono lunghi. Quindi la situazione è molto complicata. Ovviamente migliorerà, ma penso che molti dei nostri clienti si siano più o meno aspettati l’acquisto e ci siano abituati. Ma è ancora dura per tutta la filiera: per i rivenditori di prima linea, l’importatore, ma anche per le fabbriche. Ma nonostante tutto, qui la vista non è un grosso problema perché i visitatori ci sono.

La trasmissione elettrica continua a sollevare interrogativi

Per quanto riguarda le domande (e sono molte) che i belgi si pongono sulla transizione elettrica, che sono state riportate durante questa presentazione, ora dovranno essere prese in considerazione dal settore automobilistico, afferma Christophe Dupont. “Ma anche dal politologo che vuole imporre questa tecnologia al grande pubblico.

Il salone dell’auto tornerà l’anno prossimo. Le date sono già state fissate: dal 12 gennaio al 21 gennaio 2024.