Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno

Medaarch gestirà il Centro Artigianato Digitale di Cava de’ Tirreni. Conosciamoli meglio

Vi siete aggiudicati la gara per la gestione del Centro Artigianato Digitale di viale Crispi, struttura pensata per ospitare laboratori di artigianato digitale. Prima reazione alla notizia?

Abbiamo accolto la notizia con entusiasmo. Il Centro per l’Artigianato Digitale (CAD) sarà una struttura che darà spazio ad attività artigianali del nostro territorio, accompagnandole in percorsi d’innovazione digitale. Piccole aziende, artigiani, start-up, maker, professionisti e quanti lavorano con la manifattura artigiana, troveranno qui opportunità di formazione e di aggiornamento. Sarà una galleria commerciale e artigianale del made in Italy, un luogo ricco di eventi, una vetrina delle arti e dei mestieri dove tradizione e innovazione cercheranno di tracciare, insieme, una strada verso il futuro.

Probabilmente siete più conosciuti fuori per la vostra attività che a Cava de’ Tirreni. In breve, cosa è Medaarch?

Si, in effetti siamo partiti oltre 10 anni fa tenendo il primo corso sulla stampa 3D a Cava de’ Tirreni, adesso la nostra attività ci porta a lavorare in tutt’Italia e all’estero. È stato un percorso non facile che, però, ci ha fatto incontrare enti, amministrazioni, professionisti, aziende, scuole e attori che nell’innovazione e nella sperimentazione trovano una possibile chiave per il rilancio del territorio. La Medaarch, in breve, è un’azienda che lavora per l’innovazione dell’artigianato, del design e dell’architettura con attività di consulenza, ricerca e formazione utilizzando le nuove tecnologie di fabbricazione digitale.

Una grossa sfida far rivivere una struttura di una simile portata e essere all’altezza delle aspettative. Avete gli occhi della Città puntati addosso. Vi emoziona confrontarvi con il tessuto cittadino?

Se dovessimo prestare ascolto ai proverbi, nessuno potrebbe essere mai profeta in patria. In effetti, quello che ci interessa davvero è lavorare sulle opportunità che l’innovazione offre ai territori, ovunque se ne presenti la possibilità.

In molti non conoscono le attività di un Fab Lab o hanno poca dimestichezza con i laboratori artigianali. Di cosa parliamo?

Qui c’è bisogno di fare una distinzione: il Centro per l’Artigianato Digitale è un incubatore che accompagna le attività artigianali in percorsi d’innovazione di processo o di prodotto, grazie anche all’utilizzo di un laboratorio di fabbricazione digitale (cioè un Fab Lab) che verrà installato all’interno della struttura.
Ma facciamo un passo indietro. Il fablab è un modello di laboratorio nato circa 10 anni fa al MIT di Boston, il più grande centro di tecnologia al mondo, con l’intento di essere uno spazio condiviso per la prototipazione di oggetti e idee. Da allora, i fablab si sono moltiplicati in tutto il mondo perché è stato individuato in essi un potenziale: quello, cioè, di facilitare a tutti l’accesso a conoscenze e tecnologie nuove.

Oggi i fablab sono utilizzati come strumenti di ricerca, sviluppo e didattica che operano in diversi settori: dalla grande industria all’artigianato, dal terziario all’istruzione. Sposando appieno questa opportunità, la Medaarch nel 2012 ha aperto a Cava de’ Tirreni il Mediterranean FabLab, primo fablab del sud Italia e secondo in Italia, con l’intento di avvicinare scuole, cittadini e aziende del territorio all’innovazione.

Il laboratorio di fabbricazione digitale del CAD, sarà dotato di competenze, strumenti e macchinari coerenti con le possibilità d’innovazione che riguardano le principali attività artigiane del nostro territorio. Per fare qualche esempio, tra i vari strumenti il CAD presenterà al suo interno anche stampanti 3D per l’estrusione di argilla, o macchine come la laser-cut per la lavorazione di legno, pelli e materiali utilizzati dall’artigianato locale.

Quando sarà operativo il CAD?

Stiamo lavorando con l’Amministrazione per adempiere a tutte le necessità burocratiche, amministrative e logistiche, fondamentali per poter avviare il Centro nel più breve tempo possibile.

Scopri l'Autore

Imma Tropiano

Imma Tropiano

Da marzo 2017 sono il Direttore Responsabile de "laRedazione.eu", testata giornalistica iscritta al Tribunale di Nocera Inferiore al n.980 (R.G.) del 7 luglio 2016.

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi