Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mangiare biologico e ventilare per ridurre l’esposizione ai pesticidi (Salute…

Mangiare biologico e ventilare per ridurre l’esposizione ai pesticidi (Salute…

Uno studio pubblicato giovedì da Public Health France ha dimostrato che i pesticidi vietati in Francia sono ancora presenti nei nostri corpi, il che raccomanda di cambiare la dieta, compresi gli alimenti biologici e di arieggiare la casa.

L’agenzia sanitaria si preoccupava dei “livelli di esposizione a cinque famiglie di pesticidi, nonché PCB, diossine e furani presenti in molte fonti ambientali e alimentari”, secondo un comunicato stampa.

SPF ha studiato l’esposizione di 2.503 adulti (18-74 anni) e 1.104 bambini (6-17 anni) tra il 2014 e il 2016 come parte del cosiddetto studio Esteban.

I PCB erano composti chimici utilizzati dall’industria, prima che venissero vietati negli anni ’80, e si accumulano nell’ambiente e l’esposizione cronica può avere effetti sulla salute. Le diossine sono anche persistenti nell’ambiente e sono particolarmente tossiche e possono provocare il cancro. L’esposizione a lungo termine ai furani può causare danni al fegato.

Gli insetticidi studiati (organoclorurati e organofosfati) sono stati utilizzati in agricoltura, lavorazione del legno o contro la malaria prima di essere progressivamente banditi perché pericolosi.

Se i loro livelli sono inferiori rispetto a uno studio precedente condotto nel 2006-2007, “l’esposizione ad alcune sostanze oggi vietate riguarda una parte non significativa della popolazione”, osserva SPF. Tra questi il ​​lindano, un pesticida vietato in agricoltura dal 1998 e presente in “quasi il 50% della popolazione adulta o infantile”.

“Il glifosato è quantificato in meno del 20% degli adulti o dei bambini”, afferma SPF. L’uso dell’erbicida, classificato come possibile cancerogeno, continua in Francia, anche se il governo vuole ridurne l’uso.

Gli organofosfati sono meno stabili e non si trovano spesso, ad eccezione del DMTP.

Le fonti di esposizione sono diverse: “Il cibo aumenta l’impregnazione: agli organoclorurati, PCB/diossina/furani nelle persone che consumano uova o grassi; ai piretroidi, PCB/diossine/furani nei consumatori di carne”, osserva.

READ  La Ricerca francese non vuole più essere ricattata

D’altra parte, il consumo di prodotti da agricoltura biologica ha ridotto il consumo di organoclorurati, DMTP (un metabolita organofosfato) e piretroidi, secondo il comunicato stampa.

Anche il tabacco e “l’uso di insetticidi domestici, come antiparassitari per animali domestici, antiacari e insetti volanti” possono aumentare l’esposizione ai piretroidi. L’SPF consiglia di aerare regolarmente la casa.