Aprile 1, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mallory Gabsey si gode la sua prima stella Michelin: “Keep My Feet On The Ground”

Il sogno del giovane chef si è avverato.Mentre riceveva la sua prima stella nella Guida Michelin questo martedì, Mallory Gabsey, una 26enne di Ixelo, è stata scoperta a Capo supremo, vince il Santo Graal dell’arte culinaria. “Non dirò che me lo aspettavo un po’ perché è pretenzioso dirlo, ma chiaramente speravo di ottenerlo”spiega lo chef del ristorante Mallory Gapsy, aperto solo un anno fa a Parigi.

Mallory Gapsy aprirà un ristorante pop-up quest’estate in Francia

Per il giovane belga, questo premio è il risultato di un lavoro di squadra”.Inflessibile“.”Spesso viene evidenziato solo il nome dello chef, ma questa stella è anche di tutte le persone che lavorano con me. Abbiamo lavorato sodo da quando il ristorante ha aperto un anno fa per farlo bene, quindi penso che ne valga la pena.

La stella significa necessariamente un aumento del prezzo dei tuoi piatti nel ristorante?

«Li abbiamo un po’ aumentati, sì. Perché la guida Michelin, con questa stella, convalida il lavoro svolto, le ore trascorse in cucina. Quando i clienti vengono a mangiare al ristorante, stanno due ore a tavola. Ma dietro quello che serviamo sono 17 o 18 ore di lavoro.Se oggi volevo dare dei buoni prodotti devo mettere il prezzo, quindi lo dovrebbero mettere anche i clienti.Ma l’aumento non è eccessivo.L’idea non è fregare la gente Non voglio che lascino il ristorante anche solo pensando ai soldi spesi per assaggiare i piatti”.

Essere una superstar aggiunge ulteriore pressione, la pressione di tenere sempre il ritmo?

“Sì, certo. Mi mette in allerta. Mi dico:” Fai attenzione, ce l’hai ma puoi anche perderlo ! Ogni anno le stelle tornano in tavola”.

READ  le nouveau look de M. Pokora divide i suoi fan

Alcuni dei grandi chef come Michel Sarran, ex giurato in chi superioref, e Guy Savoy hanno entrambi perso una stella quest’anno. A volte non è meglio non avere una stella per non perdere quella distinzione?

“Oggi tutti parlano di chi ha vinto dei premi, ma ho l’impressione che chi ha perso la stella abbia quasi fatto più rumore. Non ho niente da dire sulla loro cucina, non devo giudicarli, né giudicare il decisione presa. Penso che Michel Saran sia come Guy Savoy ha avuto il coraggio di mantenere quelle stelle per molti anni. Devi sapere come farlo! Il ristorante Guy’s Savoy, è stato votato miglior ristorante del mondo per il sesto anno in un fila. È un uomo di grande merito. La sua stella può riscattarlo. Nulla è perduto per sempre.” .

Ho anche ricevuto il premio Young Chef of the Year. Non è facile oggi avvicinarsi al mondo dell’alta gastronomia in così giovane età?

“Non è facile, e ancor meno come belga a Parigi. C’è molta gelosia, non ci mentiremo. Ma non ascolto le critiche. Sono ancora umile e tengo i piedi per terra terra. Ho ancora molto da imparare e lo adoro!”

Diversi gli chef che hanno partecipato Capo superiore Ora è protagonista. Pensi che ci sia una relazione causale?

“No, non credo. Non hai la stella perché hai fatto Top Chef. Non abbiamo più fortuna di chiunque altro. Da un lato, potremmo ottenere più riflettori e la nostra ricompensa potrebbe guadagnare più rumore di altri. Ma la stella, che cos’è?” Tranne il lavoro che porta.”

READ  'Sarò alla fine della mia vita finanziaria in 15 giorni': i segreti di Benjamin Castaldi sulle sue grandi difficoltà TPMP (Video)

La nuova stagione di Capo superiore Da lunedì scorso va in onda su RTL-TVI. La stai seguendo?

“Quest’anno non sono a conoscenza di nulla, solo perché non ho avuto il tempo di guardare come negli anni precedenti. Ho incontrato Cesar (il candidato belga, ndr) una volta ma non posso dire di conoscerlo bene”.

Tu che sei arrivato alle semifinali del concorso, che consiglio puoi dare ai nuovi candidati?

“Consiglio loro di essere se stessi e di cucinare bene.”

Progetti con uno scopo nobile e un po’ di “follia”

Ora a Parigi, a cinque minuti dal suo ristorante, Mallory Gabsey trascorre la sua vita tra la capitale francese e Bruxelles, tornando regolarmente per un progetto o per l’altro.

Il 20 marzo in Tour & Taxis (maggiori info su www.happycurien.be), lo chef cucinerà per una buona causa alla serata “Bulles de Joie” organizzata da Happycorin, un’associazione di Bruxelles che promuove l’inclusione e cerca di integrare le persone con disabilità mentali nel mondo del lavoro. “Un anno e mezzo fa, ho avuto una grande ammirazione per questa associazione e ciò che rappresenta”, dice il giovane che creerà un menu lì con Arnaud Delphine, un altro candidato al Top Chef belga. , mentre Eric Buschman si occuperà dei vini.

Una volta terminato l’evento, il belga si unirà a Philippe Etchebest nel gruppo Cauchemar en kitchen, programma a cui è entrato a far parte nel 2021. Verranno a riportare l’ordine nei ristoranti belgi? “Molti ristoranti hanno chiesto di essere nello show, ma molti criteri, come la luminosità del locale, ad esempio, giocano un ruolo e talvolta rendono impossibile girare all’interno del locale. Quindi abbiamo dovuto fare delle scelte in questo punto, stiamo ancora cercando ristoranti belgi ma sono sicuro che verrà.”

READ  È morto Robbie Coltrane, noto per aver interpretato Hagrid in "Harry Potter".

In esclusiva, Mallory Gapsy ci informa anche dell’apertura del ristorante effimero di questa estate, Mallory Gapsy. Questo sarà aperto per due mesi nella regione di Reims. Lo chef spiega: “È un progetto figo, un po’ folle che ho lanciato con una bella casa di champagne. Troveremo lì la mia cucina, ma in un modo più semplice. Voglio che i piatti rimangano finanziariamente accessibili rispetto a quelli di un ristorante”.