Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Macron chiede di riorganizzare il sistema sanitario soffocato – 01/06/2023 at 14:24

Il presidente francese Emmanuel Macron fa gli auguri di buon anno agli operatori sanitari

Il presidente francese Emmanuel Macron fa gli auguri di buon anno agli operatori sanitari

PARIGI (Reuters) – La fine della tariffazione basata sull’attività negli ospedali, l’assunzione di paramedici e la riorganizzazione del lavoro: venerdì Emmanuel Macron ha chiesto una serie di misure volte a rispondere alle difficoltà di un sistema sanitario francese in difficoltà.

Il Capo dello Stato ha rivolto gli auguri agli operatori del Centre Hospitalier Sud Francilien (CHSF) di Corbeil-Essonnes, alla periferia di Parigi, dove ha visitato le emergenze pediatriche.

Consapevole della “stanchezza individuale e collettiva” dell’ospedale, pur sentendo la “fine della crisi”, ha proposto di “risparmiare tempo medico” e migliorare il sistema che ha subito forti pressioni negli ultimi anni. In particolare, per le tre ondate di accompagnamento di epidemie di COVID-19, influenza e bronchiolite.

Importante annuncio del capo dello Stato sul fronte finanziario: prezzi basati sull’attività di uscita in ospedale in vigore dall’imminente disegno di legge sul finanziamento della previdenza sociale (PLFSS).

“Le tariffe per il servizio hanno creato molte disfunzioni”, ha affermato Emmanuel Macron.

Per migliorare la vita quotidiana, il presidente ha chiesto di aumentare il numero dei paramedici da 4.000 a 10.000 entro la fine del 2023.

Nel più breve termine, entro il 1° giugno, ha chiesto una riflessione collettiva sull’orario di lavoro, soprattutto di fronte all'”eccessivo ingorgo” della settimana di 35 ore, una riorganizzazione dei servizi in modo che ognuno faccia il suo turno e che la cura non sia sacrificato sull’altare della rigidità manageriale.

“Il servizio deve tornare ad essere l’unità organica e umana per poter organizzare le cose”, ha detto, chiedendo la creazione di un “tandem amministrativo e medico” ai vertici degli ospedali.

READ  franceinfo esplora quatre thèmes restés sous les radars de la campagne présidetielle 2022

Emmanuel Macron ritiene che il tormento del sistema sanitario non sia solo una questione di mezzi, sapendo che in “tre anni il bilancio sanitario è aumentato di 50 miliardi di euro”, che è un “risarcimento necessario”.

“una condizione che può portare a un deterioramento della condizione”

Ha avvertito che il miglioramento richiederà tempo. “Ne abbiamo alcuni in questa situazione, che è il rischio di degrado”, at-il dit, rappelant notamment que “presque la moitié des medecins aujourd’hui ont plus de 60 ans” et que la formazione d’une nouvelle génération de soignants prende anni.

Per altri provvedimenti concreti, ha chiesto la creazione di cure specifiche per i malati cronici e ha lanciato un “progetto” di retribuzione per il lavoro notturno in ospedale, mentre ad esempio un’infermiera pagherebbe solo un euro l’ora di notte rispetto a quanto pagherebbe durante il notte. Oggi.

“La sfida nei prossimi mesi è riuscire a mantenere gli operatori sanitari al loro posto”, ha detto Emmanuel Macron al personale che ha cercato di gettare la spugna.

Per il futuro, il capo dello Stato ha detto di scommettere su un “tris ragionevole” di “ambiente, scuola e salute”.

In conclusione, ha detto, “se non investiamo adeguatamente nelle persone e in tutto ciò che le circonda, possiamo fare quello che vogliamo in altre politiche pubbliche, e sarà difficile andare avanti”.

Giovedì i medici liberali hanno manifestato sul bando collettivo “Medici per il domani” per chiedere in particolare il raddoppio del prezzo delle visite da 25 a 50 euro, o addirittura le bollette per gli appuntamenti mancati.

Il sindacato dei medici ei sindacati dei medici liberali e dei medici ospedalieri hanno annunciato in un comunicato stampa congiunto di essere contrari alla “medicina a più velocità”.

READ  Un'altra settimana fredda con poche docce

Lo scorso ottobre, il ministro della Salute e della Prevenzione, François Browne, ha lanciato la componente sanitaria del Consiglio nazionale di ricostituzione, tuttora in corso, e che mira in particolare a individuare nuove problematiche e a “riformare” l’ospedale generale e il pronto soccorso.

(Scritto da Elisabeth Pineau e Kate Entringer; A cura di Blandin Henault)