Dicembre 9, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’unità europea è messa alla prova da una guerra perpetua

Dall’inizio della guerra in Ucraina, gli europei sono rimasti uniti. Si sono uniti per denunciare l’aggressione di Vladimir Putin, per aiutare Kiev finanziariamente e militarmente, o anche per imporre sanzioni senza precedenti a Mosca. Nonostante i suoi legami con il Cremlino, e anche se si fosse rifiutato di inviare armi a Kiev o di consentire ad altri di farlo passando attraverso il suo territorio, l’Ungheria, guidata da Viktor Orban, ha giocato a questo gioco. Ma, per più di sette mesi dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, le ventisette nazioni sono ben consapevoli che ciò che verrà sarà più complesso.

Leggi anche: La guerra in Ucraina, diretta: i bombardamenti di Kiev, Mykolaiv e Nikopol; La Francia ha iniziato a fornire gas alla Germania

“Abbiamo sempre saputo che più lunga era la guerra, più difficile sarebbe stato per noi”Commenti di un alto funzionario europeo. Con l’avvicinarsi dell’inverno, i prezzi aumentano, le bollette dell’elettricità e del gas sono in aumento, le fabbriche sono chiuse per non doverle pagare, i tassi di interesse stanno aumentando e una recessione incombe e il costo della guerra – economico e politico – è un capelli. Per quanto riguarda le sanzioni, alcuni Stati membri stanno resistendo. Per quanto riguarda armi e aiuti finanziari, ci sono differenze anche”.ammette un diplomatico europeo.

L’episodio della scorsa settimana ha mostrato queste tensioni al lavoro. Il 6 ottobre, gli europei hanno adottato l’ottavo pacchetto di sanzioni, pochi giorni dopo che Mosca ha annesso il territorio ucraino dopo falsi referendum, mobilitato forze aggiuntive e ancora una volta ha sventato la minaccia delle armi nucleari. Ma per la prima volta un Paese, in questo caso il Belgio, si è astenuto. Se questa decisione non rappresenta un rischio per la procedura, è un segnale.

READ  Zelensky annuncia l'arrestation d'un proche de Poutine en fuite

Alcuni dei negoziati possono essere stati difficili, soprattutto quando gli europei hanno deciso di imporre un embargo sul petrolio russo – dal quale è stata concessa un’esenzione a Ungheria e Slovacchia – ma finora i 27 paesi hanno sempre votato a favore di misure restrittive nei confronti della Russia. “Anche Urban non si è mai arreso.”fece arrabbiare un diplomatico europeo.

“Non vogliamo rompere la solidarietà europea”

Tuttavia, il Belgio ha già avuto un periodo di due anni prima di non poter importare determinate classi di acciaio di cui le sue aziende hanno bisogno dalla Russia. In caso contrario, ha spiegato Bruxelles, due stabilimenti siderurgici avrebbero potuto essere condannati e 1.200 dipendenti (quasi 6.000 posti di lavoro indiretti) si sarebbero ritrovati disoccupati. In una situazione simile, anche l’Italia ha fatto campagna per questo accordo, contribuendo inoltre con il suo voto al pacchetto sanzioni.

Hai ancora il 62,86% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.