Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’unico posto in cui il prezzo non è aumentato in modo significativo: Benvenuti nell’edificio miracoloso di 27 piani dove “paghiamo l’elettricità dal 2020 al 2023”

Nel 2019, un kilowattora era di 18 centesimi. Ora è a un minimo di 30 centesimi, a volte molto di più (fino a 45 centesimi tasse incluse). In tre anni il prezzo dell’elettricità è esploso. Tranne qui: in questo edificio a Bruxelles.

Insensibile all’epidemia, il prezzo non è cambiato dal 1 gennaio e non cambierà prima di aprile 2023 al più presto. Dall’inverno e per altri nove mesi, un kilowattora è stato – e rimarrà – a 25 centesimi, indipendentemente dall’inflazione e dai prezzi di mercato. E ancora meno di notte e nei fine settimana: 22 cent.

E quando i nuovi prezzi saranno fissati l’anno prossimo, saranno stabiliti dagli stessi proprietari partecipanti, in un’assemblea generale.

Abbiamo trovato questo edificio miracoloso al 27 e 27a di rue Marius Renard, ad Anderlecht. Ventisette piani, 351 appartamenti, buoni per mille residenti, dove il progetto è stato realizzato dallo scorso anno.

© d

Un progetto unico attualmente in Belgio: costituito dalla combinazione di tre tecnologie di produzione autonome di elettricità verde, una delle quali è stata sviluppata a Gosselies da una filiale del produttore di velivoli leggeri Sonaca. spiegazioni.

1. Nel locale caldaia, l’edificio ha installato una cosiddetta unità di cogenerazione che produce calore ed elettricità con il gas. Le caldaie convenzionali producono calore. Qui il sistema, chiamato cogeneratore, produce anche elettricità: 1,2 gigawattora all’anno. Il 20% di questa elettricità viene utilizzata gratuitamente per alimentare le strutture comuni degli edifici come luci, ascensori, porte del garage, ecc. Questo è il primo processo.

2. La superficie edificabile è di 7000 mq, in cui verranno installati 202 pannelli fotovoltaici. La scelta è caduta sui pannelli di ultima generazione, un modello pensato per produrre energia elettrica anche se una parte del pannello non è soleggiata. Si stima che 202 unità fotovoltaiche produrranno altri 50.000 kWh all’anno. Questo è il secondo processo.

READ  Valori USA da tenere d'occhio a Wall Street (aggiornato) - 01/06/2022 15:02

3. Il terzo è il vento che soffia. Attraverso la sua controllata Renowind, Sonaca ha sviluppato una macchina che detiene il suo brevetto globale. La macchina è collocata in un box di 1 m 80 x 2 m 50, è sensibile al minimo respiro ed è dotata di un rotore azionato dai venti in aumento che salgono a 113 m dalla facciata ovest dell’edificio, la migliore visuale. Il prototipo è stato installato durante l’inverno. Dà piena soddisfazione. Gli edifici hanno deciso di ordinarne 24 che produrranno circa 45.000 kWh.

“E tutto questo non costa nulla ai comproprietari in quanto ciascuno dei nuovi investimenti è finanziato dai proventi generati dagli investimenti precedenti: attraverso la cogenerazione di energia in funzione dal 2018, dai proventi dell’energia elettrica e comunità. È stato autoprodotto dall’edificio e rivenduto ai residenti che hanno aderito al progetto”.

Questa coppia abita al 18° piano. Tra gennaio e maggio 2022 ha consumato 861 kWh. L’82% di quell’elettricità, o 708 kilowattora, le è stata fornita in autoproduzione dall’edificio, che le ha fatturato 25 centesimi, invece delle tariffe più elevate praticate dai fornitori, a tariffe di mercato.

Il progetto è guidato dalla società fiduciaria Managem, che gestisce l’edificio. Il suo direttore, Vincent Spruit, è entusiasta. “Gestiamo una ventina di unità abitative che insieme producono circa 1 megawatt di energia verde ogni ora. Nel frattempo, la centrale nucleare di Doel 1 ne produce 433. Fate i conti: sulla scala della regione di Bruxelles, possiamo avere solo la potenza di un reattore nucleare, se ci concentriamo ci puntano tutti”.

“Qui il reddito non va nelle tasche dei fornitori”

Ora questo è possibile, continua Vincent Spruit, grazie alla nuova Direttiva Europea 2019/944 che ci è stata copiata di recente, il 17 marzo 2022. “L’Europa voleva rendere il consumatore attivo nella transizione energetica. E questo è ciò che stiamo ottenendo attraverso questo edificio. Il reddito viene reinvestito direttamente nella proprietà comune piuttosto che nelle tasche dei fornitori.. “

READ  Avviso informativo, questo prodotto alimentare deve essere restituito rapidamente al negozio!

Il signor Spruit sta già vedendo di più. Nei suoi calcoli, l’energia verde autoprodotta dall’edificio può superare le esigenze di consumo del sito. Non solo l’edificio diventerebbe autosufficiente, ma il surplus, anziché essere immesso nella rete, verrebbe rivenduto in un ruolo sociale, a un prezzo inferiore a quello di mercato, a scuole, piscine e comunità.

Ne abbiamo parlato l’anno scorso (DH 17/11/21). Succede molto concretamente. Vincent Spruit, spesso, organizza visite sul campo occasionali. Aggiungiamo che se il progetto non sarà imposto a residenti, inquilini o condomini, sarà sempre più rispettato: all’ultimo conteggio, 138 famiglie su 351. Infine, vale la pena notare che non è necessario disporre di un edificio così alto.