Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che l’alcol uccide più di 2,5 milioni di persone ogni anno

Nel 2019, secondo l’ultimo rapporto dell’OMS, 2,6 milioni di persone sono morte a causa dell’alcol.
La percentuale più alta di questi decessi colpisce persone di età compresa tra 20 e 39 anni.
L’Europa ha i più alti livelli di consumo pro capite, con una media di 9,2 litri di alcol all’anno per persona.

Un numero tale da far abbassare lo sguardo: l’alcol uccide 2,6 milioni di persone ogni anno in tutto il mondo, secondo un nuovo rapporto pubblicato martedì dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ciò rappresenta un decesso su 20, compresi violenze correlate, malattie e incidenti stradali. È un numero che resta “Inaccettabilmente alto” Anche se negli ultimi anni è leggermente diminuito.

Gli ultimi dati disponibili, risalenti al 2019, indicano che il 4,7% dei decessi nel mondo può essere attribuito all’alcol. Gli uomini sono le prime vittime: rappresentano i tre quarti di questi decessi. “L’uso di droghe danneggia gravemente la salute di un individuo, aumenta il rischio di malattie croniche e mentali e porta tragicamente a milioni di morti evitabili ogni anno”. Tedros Adhanom Ghebreyesus, capo della fondazione, avverte.

Nel rapporto, sottolinea ancora “Un certo calo del consumo di alcol e delle malattie correlate dal 2010 in tutto il mondo”. Di più “Danni sanitari e sociali derivanti dall’abuso di alcol, Stime del capo dell’Organizzazione mondiale della sanità rimane inaccettabilmente elevato. Sottolinea inoltre che i giovani sono colpiti in modo sproporzionato. La percentuale più alta di decessi legati all’alcol nel 2019 si è verificata nella fascia di età 20-39 anni, con il 13% dei decessi.

Un’ondata di malattie

Cirrosi, cancro, incidenti cardiovascolari… L’alcol può causare molte malattie. Dei 2,6 milioni di decessi legati all’alcol nel 2019, il rapporto indica che 1,6 milioni di persone sono morte per malattie non trasmissibili, di cui 474.000 per malattie cardiovascolari e 401.000 per cancro. Ulteriori 724.000 decessi sono dovuti a infortuni, inclusi incidenti stradali e autolesionismo.

READ  Pollo invece della bistecca per l'ambiente? “Commetteremo un errore enorme”. Ecologia

L’abuso di alcol rende anche le persone più suscettibili alle malattie infettive come la tubercolosi, l’AIDS e la polmonite.

Secondo il rapporto, un forte bevitore ha consumato in media 27 grammi di alcol al giorno nel 2019. Ciò equivale approssimativamente a due bicchieri di vino, due bicchieri di birra o due bicchieri di superalcolici. “Questo livello e questa frequenza di consumo sono associati a un rischio più elevato di molte malattie, nonché di mortalità e disabilità”. Chi li accompagna, avverte l’Organizzazione mondiale della sanità.

  • Leggi anche

    Promozione dell’alcol: RATP presa di mira con denuncia per la pubblicità vicino alle scuole

Nel 2019 circa 209 milioni di persone vivevano con la dipendenza da alcol, ovvero il 3,7% della popolazione mondiale. In Europa si registrano i livelli più alti di consumo pro capite: in media 9,2 litri di alcol per persona all’anno.


Yoana Herrera all’AFP