Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Locomotiva a trasmissione elettrica per auto aziendale

Mentre alcuni chiedono la fine del programma di auto premium dell’azienda – e la relativa carta carburante nella maggior parte dei casi – o anche vantaggi fiscali per i veicoli professionali, sostenendo che questo è un ostacolo a un pendolarismo più pulito, i dati di Vibiac (l’associazione belga dell’automobile e produttori di biciclette) dicono il contrario.

Così, durante la prima metà dell’anno, sono stati venduti il ​​15,4% degli ibridi plug-in e l’8,8% dei veicoli completamente elettrici. Netti progressi in entrambi i casi rispetto al 2021 quando questi numeri erano rispettivamente del 12,5 e del 5,9%. Queste percentuali sono notevolmente aumentate dai veicoli professionali. Relativamente esclusivamente a quest’ultimo, la quota dei PHEV (Hybrid Charging Vehicles) è salita al 22,6% e quella dei veicoli elettrici al 12,2%.

In particolare: il 90,8% delle immatricolazioni PHEV e l’85,6% dei veicoli elettrici sono immatricolati da società o agenzie indipendenti.

I privati ​​hanno preferito la benzina (53,9% specificamente censito) e l’ibrido classico (HEV, 56,6%).

Meno benzina, meno diesel

Nella prima metà dell’anno, comprese le auto private e professionali, la benzina è rimasta la maggioranza, ma ora è poco meno del 50% delle immatricolazioni (49,6%; -2,4% rispetto al 2021). Il diesel ha continuato la sua discesa e ha raggiunto il minimo storico (18%; -5,7%). I veicoli ibridi (HEV) sono aumentati dal 2,3% al 7,4% della quota di mercato. Il gas continua a non attirare masse, anche se il Gpl avanza dallo 0,5 allo 0,7% delle immatricolazioni, mentre il metano, condannato dall’esplosione dei prezzi alla pompa, è moribonda: 0,1% (-0,2%).