Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo studio mostra che i videogiochi migliorano le prestazioni cognitive dei bambini

Oscar Wong / Getty Images Un ampio studio suggerisce che questo hobby popolare potrebbe anche avere benefici cognitivi.

Oscar Wong / Getty Images

Un ampio studio suggerisce che questo hobby popolare potrebbe anche avere benefici cognitivi.

Intrattenimento – Sebbene sia comune per i genitori preoccuparsi delle possibili conseguenze negative Videogiochi Sui loro figli, un ampio studio pubblicato lunedì 24 ottobre Nella rivista medica JAMA Network Open Sottolinea che questo passatempo popolare può anche avere benefici cognitivi.

Studi precedenti si sono concentrati sugli effetti negativi Videogiochi, come depressione o maggiore aggressività. Ma questi studi sono limitati dal piccolo numero di partecipanti, in particolare quelli che utilizzano l’imaging cerebrale, afferma l’autore principale dello studio, Bader Al-Shaarani, professore associato di psichiatria presso l’Università del Vermont.

Lui e colleghi hanno analizzato i dati di un ampio studio sullo sviluppo cognitivo nel cervello degli adolescenti (ABCD), finanziato dall’American Institutes of Health (NIH).

Hanno esaminato le risposte e i punteggi dei partecipanti ai test cognitivi e di imaging cerebrale per quasi 2.000 bambini di età compresa tra 9 e 10 anni, divisi in due gruppi: quelli che non hanno mai giocato ai videogiochi e quelli che hanno giocato 3 ore o più al giorno.

Questa durata è stata scelta perché supera la raccomandazione dell’American Academy of Pediatrics di un’ora o due di videogiochi per bambini più grandi.

Qual è il nesso causale?

Entrambe le squadre hanno dovuto svolgere due compiti. Per la prima, ai bambini venivano mostrate le frecce che puntavano a sinistra oa destra, che dovevano cliccare il pulsante corrispondente il più rapidamente possibile. Hanno anche dovuto non premere alcun pulsante se il consiglio ” Fermare “ Viene invece mostrato ed è un modo per misurare la loro capacità di controllarsi.

READ  Opinione | Revoir la gouvernance du système de santé

Per il secondo compito, gli è stata mostrata la prima faccia e poi la seconda faccia, e hanno dovuto dire se appartenevano alla stessa persona, questa volta testando la loro memoria di lavoro, la memoria a breve termine.

Dopo aver corretto alcuni pregiudizi statistici relativi, tra le altre cose, al reddito dei genitori, al QI e ai sintomi della salute mentale, i ricercatori hanno scoperto che i bambini che giocavano ai videogiochi si comportavano sistematicamente meglio nei loro compiti.

Durante i test, il cervello dei bambini è stato osservato utilizzando specifiche tecniche di imaging. Coloro che hanno giocato hanno mostrato una maggiore attività nelle aree del cervello associate all’attenzione e alla memoria. I risultati sollevano l’interessante possibilità che i videogiochi forniscano un’esperienza di apprendimento cognitivo con effetti neurocognitivi misurabili., concludono gli autori di questo studio. Tuttavia, non è ancora possibile sapere se questi display cognitivi portino a più giochi, o se sia il fatto di giocare di più a migliorare questi display, come identifica Badr Al-Shaarani.

Il suo team spera di avere una risposta più chiara mentre lo studio continua man mano che i bambini crescono. Ciò escluderà anche altre variabili come l’ambiente domestico dei bambini, l’attività fisica e la qualità del sonno.

Passare molto tempo davanti agli schermi è ovviamente dannoso in generale per la salute mentale e l’attività fisica.Osservazioni di Bader Al Shaarani. Aggiunge che le sue scoperte mostrano che giocare ai videogiochi potrebbe essere un uso migliore di quel tempo sullo schermo rispetto alla visione di video su YouTube, ad esempio, che non ha effetti cognitivi rilevabili.

Vedi anche su Le Mezze Poste :