Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’italiano Alessandro Ciocchetti ha prestato giuramento come nuovo segretario generale del Parlamento europeo

Questa è la fine di una saga che nelle ultime settimane ha occupato i massimi livelli del Parlamento Europeo, dai Conservatori (PPE) all’estrema sinistra (GUE) passando per i Socialdemocratici (S&D), i Verdi o i Liberali (Renovation) . . Nella serata di lunedì 12 settembre, l’Organo Direttivo della Legislatura – l’“Ufficio di Presidenza”, composto dal suo Presidente, Conservatrice Roberta Metzolae quattordici vicepresidenti – eletto il nuovo segretario generale della società.

L’italiano Alessandro Ciocchetti, attualmente capo di gabinetto Mme Metzola è stato eletto a questo incarico altamente influente con 11 voti su 15 (tre astenuti e uno contrario). Proveniente dalle file del PPE, come il suo capo, questo caro amico di Forza Italia era il braccio destro di Silvio Berlusconi, Marcello del Utri, condannato a sette anni di reclusione per legami mafiosi.

leggi di più: L’articolo è riservato ai nostri iscritti Roberta Metzola: “Di fronte a difficoltà esponenziali bisogna modernizzare il bilancio Ue”

Avevano quattro candidati per sostituire il tedesco Klaus Welle, vicino alla CDU-CSU, che aveva governato il Parlamento europeo e la sua amministrazione di 8.000 dipendenti per tredici anni. Tutti provengono dal PPE, ma Alessandro Ciocchetti (53) ha il vantaggio – per i conservatori – di essere più giovane, così da poter guardare indietro a un’epoca in cui i suoi tre rivali erano vicini al ritiro.

Una posizione di grande influenza

“Il problema non è Ciocetti, è la pratica. “C’era un accordo politico, era falsa”., il giudice Philippe Lamberts, capogruppo del gruppo Les Verts, ha votato contro la nomina del suo rappresentante italiano nella “sede” del Parlamento europeo. Ne vuole una prova al finto processo di lunedì sera, quando ogni candidato aveva dieci minuti per presentarsi. “Quando assumiamo un allenatore, gli diamo un colloquio di mezz’ora”..

I conservatori volevano controllare il più possibile questa posizione, che avrebbe consentito all’incumbent di consolidare il potere dei suoi amici politici a tutti i livelli del Parlamento europeo. Ma l'”Ufficio” – tre EPP, cinque S&D, tre Renewal, un ECR (Partito dei Conservatori e Riformatori Europei) – uno di Sinistra (Sinistra Europea), uno dei Verdi – fa la maggior parte delle nomine nelle posizioni più alte. Management, PPE non può fare nulla da solo. Quindi ha cercato alleati.

READ  Euro: dalla paura di Ericsson all'incoronazione italiana, sentimenti di un mese sul pianeta calcio
leggi di più: L’articolo è riservato ai nostri iscritti Una battaglia per la successione all’interno dell’amministrazione del Parlamento europeo

Liberali di Renew, la terza forza politica della società, senza la quale sarebbe difficile trovare la maggioranza. “Volevamo lasciare l’amministrazione congiunta tra PPE e S&D, che aveva condiviso tutte le posizioni chiave per molti anni”, ritiene Valérie Hayer, capo della delegazione francese di Renew. Infatti (lo è stato deciso anche lunedì sera), il gruppo guidato dal macronista Stéphane Sejournay è il secondo in comando dell’UE nella direzione generale dei servizi di ricerca parlamentari e, soprattutto, nella carica di vice segretario generale del parlamento . Fatto per l’occasione.

Dovresti leggere il 32,24% di questo articolo. Quanto segue è riservato agli abbonati.