Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ingresso di Finlandia e Svezia nella NATO: perché la Turchia si tira indietro?

Secondo Didier Billion, ci sono una serie di questioni soggette a negoziazione. La prima riguarda gli Stati Uniti. Ankara vuole Sanzioni imposte da Washington, in particolare sulle spedizioni di armivengono esaminati.

La Turchia accusa Svezia e Finlandia di ospitare sul proprio territorio funzionari del PKK.

La seconda questione è la questione curda che Erdogan ha esplicitamente menzionato. “La Turchia accusa la Svezia, e in misura minore la Finlandia, di ospitare sul proprio suolo funzionari del Partito dei lavoratori del Kurdistan, il Partito dei lavoratori del Kurdistan. È un’organizzazione di lotta armata guidata da nazionalisti curdi. Questa organizzazione è in guerra con lo Stato turco dal 1984 ed è etichettata come terrorista da Ankara, ma anche dall’Unione Europea e stato unito‘, lui spiega.

Ankara potrebbe approfittare della situazione per rilanciare le sue relazioni con Nato e Unione Europea.

Inoltre, la Turchia può anche richiedere una maggiore partecipazione alle decisioni politiche della NATO. “Per molti anni le relazioni tra la Turchia e la NATO sono state molto scarse. Questa è una delle file che la Turchia può prendere per cercare di approfittare della situazione: rilanciare i suoi rapporti con la Nato, ma anche con gli Stati membri dell’Unione Europea.“, Determina.

per me Si noti che questi negoziati si svolgono in un contesto in cui la Turchia sta cercando di non arrabbiarsi troppo con Mosca. “Dall’inizio della guerra in Ucraina, la Turchia ha condannato questa aggressione. Il Bosforo ei Dardanelli furono chiusi. Tuttavia, non applica sanzioni economiche alla Russia. La posta in gioco economica è di grande importanza, soprattutto nel campo degli idrocarburi, perché la Turchia non ne ha nessuno e gran parte di essi proviene dalle spedizioni russe.“, Analizza.

READ  "L'Ucraina offre une meilleure résistance que ce que que les Russes avaient imaginé": nos expert débriefent la deuxième nuit de combat