Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione è aumentata di nuovo a maggio, il livello più alto dall’agosto 1982

Il tasso di inflazione basato sull’indice sanitario è salito dal 7,81 all’8,34%, mentre l’indice sanitario debole è salito a 117,02 punti a maggio.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlIl tasso di inflazione a maggio è salito dall’8,31 all’8,97%, segnando il livello più alto dall’agosto 1982, quando ha raggiunto il 9,02%, ha indicato lunedì l’Ufficio di statistica nazionale, Statbel. L’indice dei prezzi al consumo è aumentato di 0,92 punti, ovvero dello 0,77%.

Il tasso di inflazione basato sull’indice sanitario è salito dal 7,81 all’8,34%, mentre l’indice sanitario debole è salito a 117,02 punti a maggio.

Il forte aumento dell’inflazione, come negli ultimi mesi, è in gran parte dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia. L’inflazione in quest’area è ora del 56,80% e contribuisce per 4,80 punti percentuali all’inflazione complessiva.

Anche l’inflazione dei prezzi dei generi alimentari (incluso l’alcol) è aumentata notevolmente negli ultimi mesi, raggiungendo il 6,32% a maggio, rispetto al 5,09% di aprile. Il contributo dei prodotti alimentari all’inflazione è attualmente di 1,26 punti percentuali.

Il tasso di inflazione core, che non tiene conto dell’andamento dei prezzi dei prodotti energetici e dei prodotti alimentari non trasformati, è stato del 4,43% a maggio, rispetto al 4,08% di aprile.

I principali incrementi di prezzo registrati nel mese di maggio sono stati in particolare relativi a combustibili, energia elettrica e oli da riscaldamento. Ma anche noleggi privati, ristoranti e caffè, latte, formaggio, uova, acquisto di veicoli, bevande alcoliche, viaggi all’estero, gite in città, oltre a pesce e frutti di mare.



Al contrario, gas naturale e abbigliamento hanno avuto un impatto ribassista sull’indice.

READ  Il Grande Risveglio dell'Antico Bitcoin