Attualità

Linea fissa, come scoprire la velocità della fibra?

Le telefonate dal call center arrivano, le promozioni sono spesso allettanti, ma la qualità della linea? Ne avevamo già parlato in un nostro articolo, ora però parliamo solo di fibra.

Al di là delle zone ancora non connesse ad internet direttamente con il filo, come facciamo a capire realisticamente la velocità della linea? Potremmo accettare di pagare pochi euro per una velocità sensazionale, ma in realtà, per chissà quale mistero, non avere una connettività all’altezza del servizio promesso.
Le proposte che i gestori fanno sono: connessione ADSL o fibra. La differenza di velocità è davvero importante. L’ADSL è certamente meno perfomante della seconda. In più gli investimenti dei gestori vanno tutti verso la presenza massiccia della fibra ottica. Ne derivano continue proposte a clienti residenziali e business per la fibra.
A tal proposito la fibra prevede due tipologie di connessione: FTTCab e FTTH. La prima consiste in una connessione mix che usa fibra e, nell’ultimo tratto dal cabinet a casa nostra, il vecchio filo in rame. La seconda FTTH invece è totalmente supportata dalla fibra ottica dalla centrale a casa nostra, passando per il cabinet.
Importante, tutti i valori che i gestori comunicano indicano il tetto massimo di velocità possibile. E’ necessario così verificare la situazione rispetto al territorio, magari chiedendo ad un amico, meglio se abbiamo modo di chiedere ad un vicino di casa con lo stesso numero civico.

Partiamo dai principali gestori di rete fissa: TIM, Fastweb, Wind-Infostrada e Vodafone.

TIM, gestore telefonico di fonia fissa e mobile, ricorda che la FTTCab prevede 200Mbit/s in download e 20Mbit/s in upload. Con tecnologia FTTH i valori diventano 1000Mbit/s in download e 100Mbit/s in upload. Se sei un utente privato clicca qui, se sei un’azienda clicca qui.
Fastweb, gestore telefonico fisso e mobile, ha attivato da sempre una pagina tramite cui verificare i servizi offerti nella zona di residenza o lavoro.
Wind – Infostrada, gestore telefonico fisso e mobile, consente di verificare la copertura ogni qualvolta l’utente sia interessato ad un pacchetto offerto.
Vodafone, gestore telefonico mobile e fisso, come per Wind-Infostrada, la copertura è verificabile prima di sottoscrivere un’offerta.
Tiscali, gestore telefonico fisso e mobile, al momento della sottoscrizione online, basterà indicare il numero della linea telefonica sulla quale intendi attivare il servizio o inserendo l’indirizzo per la nuova linea.
Poste Mobile casa, gestore virtuale mobile da aprile 2018 anche fisso. Il servizio offerto è appoggiato su rete mobile. Fisicamente, dopo aver sottoscritto un contratto, l’utente riceverà un telefono fisso all’interno del quale ci sarà una tradizionale sim di telefonia mobile. La scheda non potrà essere estratta del telefono e l’apparecchio dovrà essere sempre fisicamente all’interno dell’abitazione. Quindi, venendo alla domanda cardine: come verifico la copertura del servizio fisso di Poste Mobile? Semplice, attraverso la pagina del gestore WIND Tre che è il gestore su cui si appoggia il virtuale ovvero Poste Mobile.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi