Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’India sequestra 725 milioni di dollari dai conti del colosso cinese Xiaomi

Sabato le autorità indiane hanno dichiarato di aver sequestrato 725 milioni di dollari dai conti bancari locali del gigante cinese degli smartphone Xiaomi, che accusa di aver inviato illegalmente denaro all’estero con il pretesto di pagamenti di royalty.

Operazioni altamente compatibili

La Financial Crimes Investigation Agency dell’India, che ha avviato un’indagine a febbraio, ha affermato di aver confiscato i fondi dopo aver scoperto che la filiale indiana di Xiaomi aveva trasferito fondi a tre entità estere.

Enormi importi di royalties sono stati pagati su richiesta delle entità della società madre cineseLo ha detto l’agenzia in una nota.

Sabato a fine giornata la filiale indiana di Xiaomi ha smentito le accuse, sottolineando che queste operazioni erano “Rispettare rigorosamente le leggi e i regolamenti locali“.

Ci impegniamo a lavorare a stretto contatto con le autorità governative per chiarire eventuali malintesiXiaomi India ha twittato.

L’ufficio indiano della società è stato perquisito a dicembre nell’ambito di un’indagine separata sulle accuse di evasione fiscale.

Altri produttori cinesi di smartphone, tra cui Huawei, hanno fatto irruzione nei loro uffici indiani in questo periodo.

Le relazioni tra Nuova Delhi e Pechino sono ai livelli più bassi dal sanguinoso scontro al confine himalayano tra i soldati dei due Paesi nel 2020.

Nel frattempo, il ministero dell’Interno indiano ha bandito centinaia di app mobili cinesi, inclusa la popolare piattaforma Tiktok.

Il governo ha giustificato il divieto di queste applicazioni con la necessità di proteggersi dalle minacce alla sovranità del Paese.