Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex soldato russo testimonia l’orrore della guerra in Ucraina

Pavel Filatev, ex soldato russo, testimonia oggi la sua esperienza nella guerra in Ucraina, lontano dal movimento di liberazione guidato dal Cremlino.

Tempo di lettura: 2 minuti

eIn Russia, le informazioni sull’attacco russo in Ucraina non coincidono con le informazioni pubblicate qui. La propaganda del Cremlino è la principale fonte di informazioni lì. Le immagini della guerra in Ucraina non stanno circolando allo stesso modo e i cittadini russi non hanno mai visto alcune immagini di cui siamo a conoscenza.

Ecco perché la testimonianza di Pavel Filiev, un ex soldato russo, è particolarmente rara. Ha scritto un documento di 140 pagine che delinea la sua esperienza in Ucraina e la sua “verità” sull’attacco. Descrive scene di saccheggio lì e contraddice completamente le informazioni ufficiali russe. In risposta a una domanda di VRT, questo ex soldato in particolare ha dichiarato: “Durante le nostre operazioni, ci sono state molte vittime civili innocenti, che non hanno assolutamente nulla a che fare con questa guerra. (.) Penso che questa guerra sia orribile. Oggi , faccio quello che posso per porre fine a tutto questo”.

Il Cremlino rivendica un movimento di liberazione, non un’invasione. Per Pavel, questa è stata la parte più difficile: “Non ho visto un nazista come sostiene la Russia. Nessun ucraino mi ha accolto a braccia aperte. La televisione russa ci dice costantemente che siamo qui per liberare l’Ucraina. Ma tu non liberi nessuno distruggendo le città”.

Oggi, Pavel Filatev è fuggito dalla Russia e rilascia frequenti interviste alla stampa internazionale.



Ha pubblicato il suo documento su un social network russo, perché voleva che i cittadini venissero a conoscenza della sua esperienza in Ucraina.



READ  L'Otan va renforcer son dispositif en Europe de l'Est: "Le président Poutine voulait moins de troupes à ses frontières. Il en a plus"