Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex editore italiano ammette di aver rubato 1.000 manoscritti in un tribunale americano

Filippo Bernardini è stato condannato a vent’anni di reclusione dopo essere stato accusato di aver usurpato l’identità di alcune personalità del mondo dell’editoria per ottenere prove delle opere di autori prestigiosi.

Un italiano di 30 anni, ex dipendente londinese della casa editrice americana Simon & Schuster, si è dichiarato colpevole venerdì davanti a un giudice federale di New York per aver rubato più di mille manoscritti di autori famosi. .

Filippo Bernardini, 30 anni, è stato arrestato all’aeroporto JFK di New York e accusato di frode telematica il 7 gennaio 2022, accusato di aver rubato le identità di diverse persone del mondo dell’editoria. Qual è lo scopo? Tra l’estate del 2016 e lo scorso gennaio sono pervenute più di mille bozze di romanzi e altre opere letterarie di autori prestigiosi prima della loro pubblicazione.

«Filippo Bernardini ha utilizzato la sua conoscenza dell’industria editoriale per creare un piano per rubare e minacciare opere di valore dagli autori.Così pubblicando il mondo, il procuratore di Manhattan Damian Williams, procuratore federale, ha tuonato in un comunicato stampa annunciando la colpevolezza dell’imputato.

Il giovane italiano rischia fino a vent’anni di carcere e ha già restituito $ 88.000 come parte del processo penale, che gli ha risparmiato un processo penale. Sarà condannato il 5 aprile.

Lavorando come “coordinatore dei diritti” presso Simon & Schuster a Londra, ha ammesso di aver inviato manoscritti inediti per più di cinque anni, a volte di autori famosi o loro rappresentanti, scritti loro da falsi indirizzi e-mail degli editori. Agenti letterari.

READ  Sur de pas de Dante: toutes sceglie i romanzi (11/34)

Vedi altro – Letteratura: il romanzo inedito di Céline, 61 anni dopo la sua morte

Sig. Creato da BernardiniPiù di 160 domini webA volte può cambiare una lettera nel suo indirizzo e-mail e prendere le identità conosciute dei suoi interlocutori per ingannarli meglio. L’editore Simon & Schuster, che ha licenziato il dipendente un anno fa, ha promesso in una e-mail venerdì che “La protezione della proprietà intellettuale degli autori è fondamentaleHa anche ringraziato la polizia federale degli Stati Uniti.L’FBI e il Dipartimento di Giustizia».

Misteriosi tentativi di inganno

Il mondo dell’editoria è stato negli anni un fermento di voci di tentativi fraudolenti, non sempre riusciti e misteriosi, perché ai furti non seguivano richieste di riscatto o pubblicazioni piratate di libri. Nel 2021 il Rivista di New York Gli editori svedesi della serie hanno rivelato come Polo Millennio Un collega in Italia ha contattato nel 2017 e ha chiesto di inviare un collegamento sicuro che consentisse l’accesso al manoscritto, che è stato successivamente tradotto. Nel 2019 agente letterario dello scrittore canadese Margherita Atwood aveva rivelato segni di continuità La fanciulla scarlatta, Charter, è stato anch’esso preso di mira. Sono stati contattati anche autori come Sally Rooney o Ian McEwan Il New York Times.