Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Europa avrà abbastanza energia questo inverno, ma il 2023 sarà peggio: “Non ho mai conosciuto un periodo così caotico”

I prezzi del gas sono saliti, mercati globali turbolenti, con conseguenze molto tangibili e molto costose: l’Europa e l’Asia si stanno vendendo per acquistare carichi di GNL prodotti negli Stati Uniti, in Qatar o altrove.

E mentre paesi come la Spagna e la Francia hanno tariffe congelate per i consumatori, altri come il Belgio stanno più o meno permettendo ai fornitori di trasferire l’aumento ai propri clienti.

“Sono stata presa dal panico”, dice Sophie, la proprietaria della sua casa di 90 metri quadrati mal isolata a Ostduinkirke. Prima della guerra pagava 120 euro al mese per gas ed elettricità: la sua bolletta è salita a 330 euro.

Riflettendoci, non si è pentita di questa “realizzazione”. Oggi monitora i suoi consumi, riscalda fino a 18 gradi Celsius, scopre come installare pannelli solari e doppi vetri…

Come Sophie, una nuova generazione di belgi, francesi e italiani sbadati ha perso le energie nel 2022 e ha imparato a guardare i termosifoni. Nel mondo antico, il gas era abbondante ed economico. Il suo prezzo di riferimento nel mercato europeo variava leggermente, intorno ai 20 euro per MWh. Quest’anno è salito a 300 per poi ridiscendere a circa 100 euro…

“Non ho mai conosciuto un periodo così caotico”, afferma Graham Friedman, analista di Wood Mackenzie, che da 40 anni studia il mercato del gas naturale.

tagli “estremi”.

A causa dei prezzi folli, le fabbriche, specialmente nell’industria chimica tedesca, che era stata rifornita di gas dall’est sin dai tempi sovietici, dovettero chiudere. Tuttavia, le riserve europee sono state riempite fino al picco estivo con gli ultimi metri cubi di gas russo e nessuno ha subito tagli.

«Fino a febbraio l’idea che l’Europa potesse fare a meno dell’energia russa sembrava impossibile», ricorda Simone Tagliapietra, del think-tank Bruegel Centre di Bruxelles. “L’impossibile diventa possibile.”

READ  Risolto il problema dei contratti di alimentazione: i test-Achat avvertono i consumatori

Gli europei furono fortunati: l’autunno mite ritardò l’accensione delle caldaie.

Comunque sia, il calo dei consumi delle famiglie e delle imprese è eccezionale: circa il 25% a ottobre rispetto al 2019-2021 nell’Unione europea, secondo il calcolo di Bruegel.

La metà dei tedeschi ha caldaie a gas e il loro calo dei consumi è “forte, colossale”, afferma Leon Hirth, professore di politica energetica alla Hertie School di Berlino. Lo vede come un desiderio di “non pagare Putin” tanto quanto vede un desiderio di ridurre le bollette.

Nel giro di pochi mesi la Russia ha così perso il suo primo cliente di gas, l’Europa, i cui acquisti sono passati da 191 miliardi di metri cubi nel 2019 a 90 miliardi quest’anno, e forse 38 l’anno prossimo, prevede Wood Mackenzie.

Abbiamo dovuto compensare questo GNL che l’UE ignorava perché era più costoso.

E ha un effetto dannoso: “L’Europa ha cominciato a pagare più dell’Asia per il gas, e paesi come India e Pakistan non potevano competere”, dice Graham Friedman. Conseguenze climatiche: a causa della mancanza di GNL, questi paesi meno ricchi stanno bruciando più carbone.

Nel 2023?

Per scaricare il GNL dalle metaniere sono necessari terminali portuali in grado di rigassificare e reiniettare nelle reti terrestri. La Germania non ne aveva, Francia e Spagna parecchie.

Ciò conferisce un nuovo ruolo ai gasdotti nel nord-est della Francia, che erano tradizionalmente utilizzati per importare gas dall’est, e ora inviano gas importato verso est attraverso Fos-sur-Mer o Saint-Nazaire, e per la prima volta in Germania.

“Inviamo molto gas in Svizzera”, che viene poi inviato in Italia e Germania, spiega ad AFP Guillaume Tovego, di GRTgaz, che gestisce i gasdotti francesi, mentre mostra ad AFP una stazione di compressione VTV in Francia, persa nelle campagne. reggimento, uno degli anelli essenziali di questa nuova solidarietà europea.

READ  La bolletta del gas e dell'elettricità per i valloni è più alta di quella per i fiamminghi, quindi come si spiega questo?

Il prossimo inverno, e il prossimo inverno, non ci sarà più gas russo per riempire le riserve.

Più freddo è l’inverno, più GNL dovrà quindi essere acquistato dalla primavera… e più intensa è la “lotta” tra Europa e Asia, spiega all’AFP Laura Page, specialista del gas di Kpler.

Graham Friedman concorda: “Non c’è abbastanza gas al mondo per sostituire il gas russo”.

I nuovi progetti di GNL non produrranno milioni di tonnellate in più fino al 2025 o al 2026.

A quel punto, gli europei avevano imparato a vivere a 18 gradi Celsius?