Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le videoconferenze danneggiano la creatività

Secondo uno studio su 1.500 persone in tutto il mondo pubblicato mercoledì, gli scambi video a distanza, diventati necessari dall’esplosione del lavoro a distanza, stanno ostacolando la produzione di idee collaborative.

Durante la pandemia di Covid-19, tecnologie come Zoom, Teams o Skype hanno consentito a milioni di dipendenti di tenere video e riunioni a distanza.

Questa ipotetica collaborazione potrebbe continuare, poiché recenti sondaggi hanno dimostrato che negli Stati Uniti, ad esempio, il 20% delle giornate lavorative si svolgerà in casa dopo la fine della pandemia, conferma lo studio pubblicato sulla rivista Nature.

I loro autori, esperti di marketing delle università americane di Columbia e Stanford, hanno voluto conoscere gli effetti di questo abbandono delle interazioni faccia a faccia sull’innovazione, in altre parole la capacità di generare nuove idee durante lo scambio – “brainstorming”.

Hanno condotto test di laboratorio preliminari, con 602 partecipanti volontari (studenti) accoppiati casualmente. I due erano faccia a faccia nella stessa stanza o separati in due spazi distanti, parlando tra loro durante una videochiamata. Ogni squadra ha avuto 5 minuti per trovare usi creativi per i prodotti: un piatto di frisbee e pluriball. Poi ha dovuto scegliere la sua idea più creativa.

L’esperimento è stato replicato in aziende con 1.490 ingegneri in Finlandia, Ungheria, Portogallo, India e Israele: durante workshop dedicati all’interno dei loro edifici, i gruppi sono stati invitati a proporre prodotti innovativi per le loro società di telecomunicazioni.

Il risultato: le interazioni di persona hanno prodotto circa il 15% in più di idee rispetto alle interazioni virtuali e il 13% in più di idee creative.

Tuttavia, la buona notizia per Zoom, Skype e Teams: quando i team dovevano scegliere le loro idee migliori, gli scambi virtuali si sono rivelati altrettanto produttivi degli scontri diretti, a volte un po’ di più.

READ  La Voie lactée s'est formée beaucoup plus tôt qu'on ne le pensait

I ricercatori hanno concluso che solo le videochiamate inibivano la creatività, mentre altre abilità sembravano inalterate.

– Messa a fuoco intensa sullo schermo –

ma perché ? Ricerche precedenti hanno dimostrato un legame neurale tra visione e concentrazione e hanno dimostrato che, paradossalmente, “le persone sono più creative quando sono meno concentrate”, afferma Melanie Brooks, professoressa associata di marketing alla Columbia Business School e coautrice del libro . Uno studio in un video di presentazione del suo lavoro.

Per testare questo, ha dotato le sue “cavie” di un dispositivo di tracciamento oculare. Così è stato in grado di verificare che i partner virtuali trascorrevano quasi il doppio del tempo a guardarsi l’un l’altro rispetto alle loro controparti faccia a faccia.

Le videochiamate hanno focalizzato l’attenzione su uno spazio limitato – lo schermo – che limita il processo cognitivo della creazione. Durante il faccia a faccia, le persone hanno condiviso un intero ambiente, “più favorevole alla biforcazione delle idee che genera nuove idee”, hanno sviluppato gli autori.

Che suggeriscono di non scartare le collaborazioni virtuali – che hanno i loro pregi – ma di trattenerle per determinati compiti, preferendo stare in ufficio per scambiare idee.

E non essere troppo distratto da un tale gruppo di ingegneri polacchi, la cui azienda ha organizzato seminari in un hotel per un seminario. Era chiaro che i partecipanti erano “più interessati al caffè e ai biscotti serviti nel bar dell’hotel” che al protocollo sperimentale, dal quale sono stati infine esclusi.