Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le banche lussemburghesi si lavano nel rispetto dell’ambiente?

pubblicato

finanzaLe banche lussemburghesi si lavano nel rispetto dell’ambiente?

Lussemburgo – Greenpeace Luxembourg accusa molte banche lussemburghesi di promuovere investimenti sostenibili non propriamente sostenibili. ABBL si rammarica della tattica della ONG.

Greenpeace Luxembourg ha presentato il suo studio questa settimana.

rilascio di pressione

Investimenti etici e sostenibili, finanza verde e molti altri sono termini che sono diventati numeri imposti alla maggior parte delle istituzioni finanziarie che vogliono mostrare la loro preoccupazione per l’ambiente. Il Luxembourg Financial Center non fa eccezione alla regola. Ma qual è la vera ragione alla base di questi prodotti finanziari rispettosi dell’ambiente? Non molto, dice Greenpeace Luxembourg, che questa settimana ha pubblicato un ampio sondaggio sull’argomento.

19 clienti e 27 clienti misteriosi hanno tenuto riunioni di consulenza in 6 diverse istituzioni finanziarie – Banque de Luxembourg, Banque Internationale à Luxembourg, Banque et Caisse d’Epargne de l’Etat (Spuerkeess), Banque Raiffeisen, BGL BNP Paribas, ING Groep – afferma il dott Martin Granzo, esperto finanziario di Nextra Consulting: “Nessuno dei prodotti presentati come rispettosi del clima segue un percorso per ridurre l’intensità dei gas serra in linea con l’obiettivo del limite di riscaldamento globale di 1,5°C”. GmbH e autore del rapporto.

“Ulteriori prove del greenwashing”, afferma Greenpeace, che non esclude il settore dei fondi di investimento, la principale fonte di ricchezza del Lussemburgo. “Le banche devono prima fare i compiti in modo da poter consigliare adeguatamente i propri clienti sugli investimenti sostenibili”, ritiene Martina Holbach, attivista finanziaria di Greenpeace Luxembourg.

Segnalazione troppo restrittiva?

Le conclusioni sono troppo dure per ABBL, che venerdì ha diviso un comunicato stampa in difesa degli istituti bancari in Lussemburgo. Per l’Associazione lussemburghese delle banche e dei banchieri, la metodologia utilizzata da Greenpeace è troppo restrittiva e porta a conclusioni negative: “I prodotti finanziari specificamente conformi agli Accordi di Parigi rappresentano solo una percentuale molto limitata del mondo degli investimenti sostenibili”. Inoltre, i banchieri si trovano ad affrontare una mancanza di dati in questo settore, aggiunge il sindacato.

Negando qualsiasi “greenwashing”, ABBL ritiene che Greenpeace avrebbe dovuto fare più affidamento sulle normative europee “che vanno ben oltre gli aspetti puramente climatici che i banchieri devono far rispettare”. Tuttavia, si dice “consapevole degli sforzi necessari da compiere”, in particolare per quanto riguarda la formazione di professionisti in materia.

READ  Cosa succede all'assicurazione incendio e famiglia quando ti trasferisci in un centro di assistenza residenziale o in una struttura di residenza assistita? | Economia