Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le 20 proposte presentate dal Ministero della Salute e dell’Ambiente per una vera politica ambientale sana

Il Consiglio economico, sociale e ambientale elenca gli ostacoli a una vera politica ambientale sana in Francia. Richiede l’attuazione di 20 proposte, compreso un approccio globale e una nuova fonte di finanziamento.

Uno studio internazionale ha mostrato che 9 milioni di persone Muoiono a causa dell’inquinamento, tre volte i decessi cumulativi per AIDS, tubercolosi e malaria, ma un numero anche superiore ai 5,5 milioni di morti annunciati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per Covid-19, Thierry Baudet, Presidente del Consiglio Economico, Sociale e Ambientale (Cese), ha preso atto durante la presentazione diParere per una politica nazionale di salute pubblica e ambiente nel cuore delle regioni.

Nonostante Difficile Per evidenziarlo, è stato ora stabilito il legame tra inquinamento e deterioramento della salute. I progressi della genetica hanno permesso di determinare il suo ruolo nel causare malattieha confermato Remy Salama, epidemiologo, direttore della ricerca di Inserm, all’inizio dello spettacolo. Per malattie come l’obesità o il cancro al seno, i geni contribuiscono, ma sono ben lungi dall’essere il principale determinante, e questo lascia, sul lato negativo, una grande parte per altri fattori. Pertanto, per il cancro al seno, i fattori di rischio possono essere ambientali, come l’esposizione a sostanze chimiche come il bisfenolo A, i PCB o l’inquinamento atmosferico.

Il finanziamento della questione della salute e dell’ambiente non è commisurato ai bisogni o all’importanza delle questioni

Il lavoro delle autorità pubbliche in questo campo si distingue spesso perché considerato altamente settoriale, frammentato e soprattutto sottofinanziato. Pertanto, la Terza Assemblea Costituzionale della Repubblica ha considerato gli ostacoli all’attuazione di una vera politica ambientale sana, ma anche le leve da attuare. In tal modo, ha individuato tre aree di miglioramento suddivise in venti proposte, che rispecchiano le raccomandazioni delle precedenti relazioni parlamentari.

Migliorare il legame tra conoscenza e decisione

In primo luogo, Cese ritiene necessario rafforzare e riorganizzare il rapporto tra conoscenza e processo decisionale. Perché, secondo lui, oggi il processo decisionale per ridurre l’impatto sulla salute è molto lento. I rischi sono sottovalutati. Le difficoltà di accesso alle informazioni possono far credere alle persone che non ci siano problemi e indurre una sensazione di sicurezza, Lo spiega ANSES nel parere di Cese. Ma riflette soprattutto gli ostacoli nell’attuazione degli studi e l’assenza di un quadro istituzionale o di un supporto alla ricerca per la raccolta sistematica o mirata di tali dati sull’esposizione. Cese chiede in particolare di sviluppare a Un gruppo di esperti indipendenti ma anche il lancio di un programma aperto per le priorità di ricerca in materia di salute e ambiente, che prevede finanziamenti commisurati alle esigenze.

READ  Di fronte alla crisi sanitaria, un'unione senza precedenti di medici liberali e medici ospedalieri

Altro suggerimento da segnalare: l’adozione di una nuova gestione del rischio. Cese sottolinea lo squilibrio tra le 500 sostanze chimiche ben caratterizzate in termini di esposizione e rischio a livello europeo e le 100.000 presenti sul mercato. Marzo. La domanda è delicata ma inevitabileper riferimento ad Angline Barth, che rappresenta il personale della CGT di Cese e correlatore per parere. La valutazione del rischio oggi si basa su un approccio sostanza per materiale e quindi sostanza per articolo, il che è inappropriato: non consente di considerare le conseguenze dell’esposizione da un punto di vista globale. Per Cese, l’approccio dovrebbe essere basato sul principio di precauzione con gestione per categoria di rischio, nello spirito della nuova strategia chimica della Commissione europea dell’ottobre 2020. Vuole anche vedere accelerati gli sforzi per integrare i dati sanitari e ambientali.

Un obiettivo centrale e globale delle politiche pubbliche

Cese fa riferimento alla necessità di formare e formare professionisti del settore medico, ma anche, più in generale, dei mestieri interessati alle interazioni tra salute e ambiente: architetti, ingegneri, veterinari, ecc. Riafferma inoltre la necessità di un approccio globale a questo problema. Per questo chiede l’adozione di una specifica legge direttiva. Ciò definirebbe questo concetto, la sua portata e gli obiettivi, ne organizzerebbe la gestione e definirebbe i principi di base del suo finanziamento. Per andare oltre l’approccio isolato, il delegato ministeriale che riporta al Presidente del Consiglio sarà responsabile dell’attuazione della Strategia Salute e Ambiente. Il follow-up dovrebbe essere specificamente basato sull’aspettativa di vita sana e sulle implicazioni per la povertà. Inoltre, secondo Cese, il Cluster Salute e Ambiente, che ha il compito di monitorare le azioni del Piano Nazionale Salute e Ambiente, dovrebbe trasformarsi in un organo consultivo dotato di adeguate risorse umane e finanziarie.

L’associazione ha anche rilanciato il dibattito sul finanziamento delle politiche sanitarie e ambientali. Il finanziamento della questione della salute e dell’ambiente non è commisurato ai bisogni o all’importanza delle questioni , indicato. Fatah suggerisce di pensare alla possibilità di una risorsa pulita tassando le attività che hanno un impatto negativo sulla salute e sugli ecosistemi. Il ricavato sarà destinato alla riduzione dell’inquinamento e al finanziamento delle buone pratiche, ma anche alla compensazione dei suoi effetti sproporzionati rivolgendosi ai più vulnerabili. Un punto che ha fatto infuriare alcuni gruppi e ha portato, ad esempio, un gruppo di aziende, un gruppo di agricoltori o un gruppo di aziende socit cooperativeHanno votato contro il parere e il gruppo degli artigiani e delle libere professioni si è astenuto.

READ  des scientifiques traduisent les ondes cérébrales d'un homme paralysé en mots

Per consentire l’efficacia del diritto a un ambiente salubre, Cese propone anche la creazione di un’autorità amministrativa indipendente, simile al Difensore dei diritti, che avrebbe il compito di contrastare le violazioni di tale diritto.

Potenziare comunità e cittadini

Gli enti locali hanno un ruolo essenziale, Agnès Popelin-Desplanches, membro del gruppo Ambiente e natura, apprezza il correlatore per il parere. Alcuni stanno già agendo, come la Plinn General Foundation for Regional Institutions, Lorient o Valence. Dovrebbe essere sancito nei testi, ad esempio nella legge degli enti locali.

Cese mira anche a consolidare i piani regionali per la salute e l’ambiente, valorizzare le risorse delle Agenzie sanitarie regionali (ARS) e delle missioni interdipartimentali acqua e natura (Misen) e, infine, aumentare la partecipazione della popolazione allo sviluppo, valutazione e attuazione di politiche pubbliche, in particolare integrando i risultati in termini di Salute e ambiente durante la pianificazione o i progetti di sviluppo.

La Terza Assemblea Costituzionale ha adottato questo parere, mercoledì 24 maggio, con 117 voti favorevoli, 30 contrari e 7 astensioni per 154 elettori. Ora chiede al nuovo governo di fare della salute ambientale una priorità politica.











READ  Fai attenzione a questi integratori dannosi per il cuore

Articolo pubblicato il 25 maggio 2022