Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Lavorare sui morti mi collega ai vivi”: con Bizarreum, Juliette Cazes pubblica il funerale

Com’è cercare la morte ogni giorno nella tua vita? Juliette Kazis è una ricercatrice funeraria indipendente e creatrice del sito Bisarum, dove spiega i rituali e le usanze che circondano il funerale. un’intervista.

Perdere. Nel tuo lavoro indossi più di un cappello. Come ti presenti in poche parole?

Giulietta Cassis. Sono Juliette Cassis, ho 32 anni, la mia vita quotidiana Ricercatore indipendente bandiera della morte…così come altri compiti assegnati che mi permettono di sfamare e accomodare! Ma la maggior parte del mio lavoro e del mio pensiero è legato alla morte e ad alcune scienze che ruotano attorno ad essa, comearcheologiae l’antropologia e naturalmente la storia in generale.

Perdere. Come sei arrivato a questo settore delle scienze mortuarie?

Sin da piccola mi sono appassionata ai funerali. Come molti bambini, ho iniziato a interessarmi all’archeologia classica e questo interesse è rimasto con me negli anni! Ho studiato le conseguenze, l’archeologia e l’antropologia, perché mi interessava sapere come venivano sepolti gli altri antichi, ad esempio come leggere scheletri E le ossa… Dopo aver completato questi studi, mi sono reso conto che, dato lo stato attuale della ricerca, in particolare nelle discipline umanistiche, sarebbe stato difficile per me continuare come ricercatore. Subito dopo ho conseguito un diploma in turismo e ho lavorato in questo campo per cinque anni.

Nel tempo libero, intanto, ho continuato a fare quello che mi appassionava: lavorare ai funerali, ma non sono più nel mondo accademico. Ero uno spirito libero, cosa non sempre facile in termini di riconoscimento, ma era quello che volevo fare!

Perdere. come sei nato lo straniero ?

Alla stessa base, lo straniero Era una pagina Facebook privata per i miei amici. Ho lavorato nei musei, frequentato corsi e volevo condividere ciò che ho visto, ma i miei amici non erano molto ricettivi! Mi sono detto nel 2017: Perché non provare il canale YouTube? Non ho mai pensato di diventare un operatore video, ma sapevo che il video mi avrebbe permesso di raggiungere un vasto pubblico, mi sono chiesto cosa c’era in Francia, volevo creare un media francese che parlasse di morte, monumenti, storia…

A poco a poco è diventato transmediale con video, articoli, podcast, sito web… tutto sulla morte e sui rituali che la circondano.

READ  1500 sacs-cadeaux pour les travailleurs de la santé

Nel 2020, quando la crisi del Covid ha colpito duramente il settore turistico, ho perso il lavoro. Per riprendermi, mi sono destreggiata tra il mio lavoro: ho creato un’agenzia di pianificazione dei viaggi e sono diventata un’autonoma per le mie attività di scienze della morte come giornalista freelance. lo straniero, che era il nome del mio sito, è diventato un marchio registrato. Ho concentrato il mio lavoro sulla scrittura di libri o contenuti specifici, lavorando come docente universitario e per il pubblico in generale, offrendo PodcastE il Tutorial Su Internet, video …

Mi ci è voluto molto tempo per creare la mia identità: parlare di morte ce la fa La gente si aspettava di vedere cose misteriose, guardoni e cose oscure nei miei video. Ma oggi le cose sono chiare: lo stranieroÈ antropologia, storia, archeologia e un pizzico di novità sul funerale!

Perdere. I temi del funerale o della morte possono servire come supporto per l’ansia e le aspettative. Come vivi l’opinione degli altri nella tua professione?

Spesso la domanda sul mio lavoro è quella che temo di più, inoltre sono molto felice quando non mi viene chiesto!

Ci sono diversi tipi di reazioni quando ne parlo. Ho vissuto un cinismo piuttosto severo, e ci sono anche persone che temono la mia vicinanza al tema della morte, dipende da ciascuno e dalle proprie convinzioni. una volta ogni tanto, Ho anche fatto domande molto personali come tale « Hai mai avuto esperienze traumatiche? Per spiegare il mio interesse per questi problemi. È molto inappropriato! I ricercatori non sono sempre strettamente legati all’argomento della loro ricerca. Ho vissuto un lutto difficile, ma la teologia non è stata considerata come un sollievo dal dolore, separo la ricerca e la vita personale e la mia esperienza e le mie influenze non intendono giustificare l’esistenza del mio lavoro.

Ci sono anche persone che hanno un’immagine molto sbagliata di me: pensano che io sia troppo bruno e che abbia gusti assolutamente terribili, quando in realtà non lo sono affatto! Solo perché sto morendo non significa che io sia oscuro. È un compito continuo dimostrare che non c’è nulla di strano o malsano nel gestire un funerale, e così via È una materia relativamente classica nelle discipline umanistiche.

READ  Opoidi: e se il colesterolo diventasse avvincente?

Ma il più delle volte va bene: cerco di valutare se le persone ne vogliono parlare o meno, lo disinnesco facendo battute o, al contrario, ascoltandolo.

Sono stato cresciuto da genitori che mi hanno sostenuto molto, qualunque fossero i miei interessi, e che mi hanno insegnato soprattutto a non preoccuparmi delle opinioni degli altri. Sono completamente chiuso all’opinione degli altri, anche se non tollero il male gratuito. Inoltre, non posso incolpare le persone per essere curiose o timorose: Questi sono i temi in cui ha un grande impatto.

Perdere. Studi i riti funebri da tutto il mondo. Questo la porta a mettere in discussione il rapporto di morte che abbiamo oggi in Francia, e forse più in generale in Occidente?

Gli studi comparativi sono al centro del mio lavoro ed è molto importante che io non sia incentrato sulla razza. Questo solleva molte domande!

In Occidente, dopo la fine della seconda guerra mondiale, si parla poco di morte: in passato la morte faceva parte della casa, della cerchia sociale e del villaggio. C’è stato un cambiamento che ha reso l’ospedale più presentabile più tardi negli anni ’60, portando via la morte. È relativamente recente. Nella storia funeraria dell’Occidente, la morte è molto presente Nella vita di tutti i giorni e in modo naturale.

Oggi abbiamo anche una foto di direttori funebri gestiti da uomini. Ma quando vai più a fondo, ti rendi conto che nella storia funeraria, in Francia in particolare, le donne avevano un ruolo molto importante nei rituali nelle zone rurali, per esempio!

juliette_cazes_travailler_sur_la_mort_interview
Schermata del sito web lo straniero

Perdere. Hai anche un diploma in consulenza funeraria?

Sì, naturalmente. Ho ottenuto il mio certificato nazionale di consulente funebre e maestro di etichetta nel 2020. Mi è stato spesso detto che dovevo lavorare nell’impresa di pompe funebri, Perché il mio lavoro era legato ai funerali e ho deciso di andare a vedere che aspetto aveva!

Ho apprezzato molto l’esperienza e, soprattutto, ho imparato molto sul lavoro, anche se non volevo essere un direttore di pompe funebri a tempo pieno. Tuttavia, ho completato i miei studi in archeologia: fare alcuni gesti e capire esattamente come veniva manipolato un corpo o come girarlo mentre ero solo mi ha aperto linee di vista e ho pensato a gesti tecnici che potrebbero non avere stato. Vai 3000 anni e oltre!

READ  les travaux d'extension livrés dans 18 mois
Immagine_20210617_135026_843
Foto per gentile concessione di Juliette Cassis

Perdere. Ti riconosci nel movimento della morte positiva negli Stati Uniti?

il movimento la morte è positiva Classe 2010, famosa prima Caitlin Dottie. È una persona con una forte presenza online, che lavora nel settore funerario negli Stati Uniti. Una volta lo ha detto in un tweet La morte era tabù come il sesso, e ne stavamo parlando sesso positivo. Perché non ne parliamo la morte è positiva ? È così che è nato il movimento, che ha raccolto milioni di visualizzazioni su Internet.

morte_positiva_tweet
Un tweet di Caitlin Doughty che menziona positivamente la morte

Quando ho saputo dell’esistenza di questo movimento, mi sono chiesto se sarebbe arrivato in Francia dopo qualche anno. In una certa misura, da allora ci sono stato coinvolto Il mio lavoro parla della morte, che trovo importante per uscire dal tabù che la circonda.

Ma oggi, negli Stati Uniti, ho l’impressione che non sia solo positivo: dietro il termine, C’è tutto un nuovo terreno fertile per le ingiunzioni, ma c’è anche l’obiettivo di vendere servizi commerciali. Questo ha dato vita a nuove professioni a morire, non necessariamente legislative, il che è complicato… perché parliamo ancora di clienti che soffrono, in lutto, o in completa perdita di emozioni. Stiamo iniziando a vedere edifici per questo anche in Francia.

Non lo sto affermando perché qualunque cosa accada, la storia dei funerali americani è molto diversa dalla storia dei funerali francesi. Le questioni sociali, le leggi e il contesto sono molto diversi.

Perdere. Ci sono argomenti che ti riguardano particolarmente nella tua ricerca?

Giulietta Cassis.Con Bizarreum cerco soprattutto di offrire cose da scoprire. Ho espresso un tono scientifico abbastanza neutro, ma cerco, a modo mio, di attenermi ad esso. Ad esempio, quando lavoro sul tema delle popolazioni indigene, cerco di sensibilizzare su casi come il Canada, Dove i resti di bambini indigeni sono stati trovati in un collegio. Questi sono argomenti importanti, e spesso Le persone hanno paura di essere affrontate nella promozione tradizionale.

Perdere. Come descriveresti il ​​lavoro ai funerali e la morte?

A volte ci sono storie orribili con cui devo confrontarmi, che mi fanno pensare che l’umanità sia terribile. Ma combatto questo sentimento perché sui temi, anche se non è facile parlare di morte quotidianamente, Vedo tanta bellezza nei gesti premurosi, Nelle persone che hanno a cuore i morti, con tutte espressioni di sentimenti molto forti, anche se a volte sono in contrasto con i nostri.

Alcune storie sono fuori dall’ordinario, altre sono molto ordinarie, ma quello che dico spesso è questo Anche se lavoro sulla morte, per me sono circondato dai vivi: Anche se queste persone non c’erano più, le loro vite esistevano e continuano ad esistere attraverso la ricerca. Non è che siamo morti perché non esistiamo più, e so che attraverso questo lavoro mi connetto con gli altri, molto più di quanto farei forse in un altro lavoro.


Leggi anche:

Chi erediterà i tuoi nudi e i tuoi DM? Ecco come prepararti alla tua morte digitale

Testimoniato su Madmoizelle!

Versare naso Su Madmoizelle, scrivici a:
[email protected]

Non vediamo l’ora di leggerti!