Gennaio 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’autore di una serie di omicidi ha predetto i suoi crimini nei suoi libri


“Siamo a conoscenza di libri scritti dal sospettato con uno pseudonimo e fanno parte delle nostre indagini”, ha detto giovedì all’AFP un portavoce della polizia di Denver.

L’assassino, identificato dalla polizia come Lyndon MacLeod, ha girato la trilogia, “The Punishment”, tra il 2018 e il 2020 con il nome di Roman McClay.

Nelle foto dei suoi vari account sui social media, indossa una lunga barba e capelli castani, oltre al tatuaggio.

Secondo un commento pubblicato sul sito web dell’autore, la trama segue un “politico/miliardario che vuole utilizzare la tecnologia genetica per riscrivere il DNA di criminali, come serial killer o persone violente”.

Secondo i media americani, nel primo volume, un uomo di nome Lyndon MacLeod ha ucciso un personaggio di nome Michael Swinyard in un edificio a Denver.

Le autorità hanno confermato che una delle vittime portava lo stesso nome ed è stata uccisa all’indirizzo indicato nel libro.

In un altro volume l’autore racconta l’omicidio di una donna, Alicia Cardenas, anche lei identificata come una delle vittime.

Il nome del sospettato è apparso anche in documenti amministrativi legati a un edificio che la signora Cárdenas ha acquistato alcuni anni fa.

In un post sul suo sito, Roman McClay ha affermato di confondere finzione, “persone” ed “eventi reali” per “offuscare il confine tra ciò che esiste e ciò che è possibile”.

READ  Previsioni preoccupanti mettono sotto pressione la fine dell'anno

Lunedì, l’assassino di 47 anni ha aperto il fuoco per la prima volta in un negozio di tatuaggi di Denver, uccidendo la tatuatrice e proprietaria di un salone Alicia Cardenas.

Ferito a morte, Michael Swinyard si è poi recato a Lakewood, alla periferia di Denver, dove ha ucciso un uomo in un altro negozio di tatuaggi e poi un addetto alla reception dell’hotel.

È stato ucciso da una poliziotta e lei stessa è stata ferita nel fuoco incrociato.

La polizia ha detto martedì che il sospettato sembrava “prendere di mira persone specifiche” e aveva “relazioni personali o professionali” con alcune delle sue vittime.

La polizia ha detto che l’addetto alla reception non aveva nulla a che fare con l’uomo armato, ma era “stato in contatto” con l’hotel.

La polizia, che deve ancora determinare il motivo dietro gli attacchi, ha affermato che Lyndon MacLeod era già oggetto di indagini di polizia nel 2020 e nel 2021, ma non è stato aperto alcun processo.