Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Algeria ha firmato un accordo con il produttore italiano Fiat

AA/Alger/Aksil Ouali

Giovedì l’Algeria ha annunciato di aver firmato un accordo quadro con la casa automobilistica italiana Fiat per la creazione di uno stabilimento per la produzione di automobili. Lo ha annunciato il ministro dell’Industria algerino Ahmed Zekdar, rilevando che la fabbrica, filiale del gruppo italiano Stellandis, avrà sede ad Orano (400 km a ovest di Algeri) e produrrà automobili per il turismo e le utilities.

Il ministro non ha fornito ulteriori dettagli sulla data di installazione dell’impianto, né sull’entità del progetto. L’accordo è stato firmato alla presenza del capo del Gruppo Stellandis Carlos Tavares. Ciò avviene meno di una settimana dopo che il presidente Abdelmadjid Tebboune ha annunciato il divieto di importare veicoli di età inferiore ai tre anni, consentendo ai produttori stranieri di importare e vendere le loro nuove auto in Algeria e di creare stabilimenti di produzione locali.

Ricordiamo che l’Algeria ha avviato un esperimento di assemblaggio di automobili dal 2014, che è fallito. Secondo la formula SKD-CKD, diversi produttori hanno allestito unità di assemblaggio per attrezzature, tra cui la francese Renault, in collaborazione con commercianti algerini. A distanza di anni dalla loro apertura, queste unità non hanno svolto alcun lavoro finalizzato all’allestimento di stabilimenti su specifica, con l’obiettivo di aumentare i tassi di integrazione, di subappaltare le reti e di frenare le importazioni di kit di montaggio.

Nel 2020, le autorità hanno deciso di sigillare gli stabilimenti di Hyundai, Volkswagen e Kia. La Renault è stata chiusa per mancanza di strumenti di montaggio, mentre il progetto della fabbrica Peugeot-Citroen non è mai decollato. Le autorità hanno continuato a reprimere l’industria e vietare le importazioni di auto nuove e usate.

READ  15 Italian in style, arte italiana del pane ripieno

Questa situazione ha pesato pesantemente sul mercato automobilistico algerino, dove i prezzi sono scesi ai minimi storici. Le auto usate sono vendute a prezzi elevati, lasciando la maggior parte degli algerini nell’impossibilità di accedere ai veicoli. Il sequestro all’importazione ha interessato anche i pezzi di ricambio per auto.


Solo una parte dei dispacci che l’Agenzia Anadolu trasmette ai suoi abbonati attraverso il Sistema di Trasmissione Interna (HAS) sono trasmessi in forma abbreviata sul sito web di AA. Contattaci per iscriverti.