Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La struttura è stata evacuata e sono stati chiamati gli esperti di sminamento di emergenza e i vigili del fuoco (foto).

È un intervento del tutto insolito quello che alcuni membri del personale ospedaliero hanno vissuto sabato sera al pronto soccorso di Sainte-Musse, a Tolone, in Francia. Un uomo anziano è apparso con un proiettile… nell’ano! “Una mela, un mango o anche la schiuma da barba… siamo abituati a trovare cose insolite inserite dove non dovrebbero essere. Ma un guscio? Mai!”, ha detto un dipendente.

Secondo le informazioni ricevute dal Var Matin, l’amministrazione dell’ospedale ha supervisionato l’organizzazione dell’evacuazione parziale della struttura verso la sala principale, al fine di preservare la sicurezza. I servizi più lontani sono stati limitati, con l’aiuto della sicurezza e dei vigili del fuoco. Nuovi pazienti sono stati trasferiti per poche ore in altri ospedali, a causa di questa minaccia bomba… a dir poco.

Un membro dell’ospedale ha testimoniato: “Abbiamo quindi dovuto curare il nostro straordinario paziente, che si è immediatamente assicurato che il proiettile fosse stato disarmato”. Ma era ancora necessario assicurarsi che il guscio fosse effettivamente disarmato! Da qui la richiesta di un’unità di sminamento. Intanto Samu ha allestito una tenda fuori dall’istituto per non mettere in pericolo i pazienti in terapia intensiva.

I minatori si sono rapidamente assicurati che non ci fosse possibilità di esplosione. “Ci hanno rassicurato dicendoci che era un guscio da collezione della prima guerra mondiale, mostrato a Poilus”, spiega un medico. Il chirurgo incaricato ha eseguito un intervento chirurgico addominale per rimuovere l’oggetto dall’ano. “Raramente viene mostrato da dove proviene”, commenta.

Tutto è bene quel che finisce bene per l’anziano. Il guscio è stato rimosso in modo sicuro.

READ  Dettagli dell'indagine sull'assalto al Campidoglio Dettagli delle pressioni di Trump su Mike Pence