Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La star Proxima aveva una fetta di chorizo: uno scherzo mondiale


c’È una bufala scientifica che ha creato confusione su Twitter. Come ho già detto HuffPostE il Un ricercatore francese ha pubblicato, domenica 31 luglio, Uno scatto della “stella più vicina al sole”, Proxima Centauri, quando in realtà era… una fetta di chorizo ​​su sfondo nero. Per rendere credibile la sua battuta, Etienne Klein, direttore della ricerca presso la Atomic Energy Commission (CEA), ha specificato nel suo tweet che la foto è stata scattata da Telescopio spaziale James Webb E va anche oltre: “Questo livello di dettaglio… un nuovo mondo viene rivelato giorno dopo giorno”.

E’ bastato per far prendere dal panico il dipinto. Rapidamente, il suo tweet è stato condiviso e commentato diverse migliaia di volte. Data la sua situazione, i netizen sono lontani dall’immaginare che si tratti di uno scherzo. Ma Etienne Klein taglierà rapidamente il loro entusiasmo rivelando loro che non è niente di più e niente di meno che una fetta di chorizo.

Di fronte alla portata del suo inganno, lo specialista invita gli utenti di Internet a diffidare delle immagini diffuse sui siti di social network. “Mi sento in dovere di chiarire che questo tweet presumibilmente mostra uno screenshot di Prossima de centauro Era una forma di intrattenimento. Impariamo a diffidare delle argomentazioni dell’autorità tanto quanto della retorica spontanea di certe immagini…”, ha scritto sotto il suo tweet iniziale. “Secondo la cosmologia contemporanea, nessun essere appartiene alla salumeria spagnola da nessuna parte tranne che sulla Terra”. aggiunge, sempre con tono umoristico.

READ  La montagna degli oceani si trova sul treno di accelerazione

Leggi ancheGhost Galaxy “Undress” di James Webb

“Le fake news hanno sempre più successo delle notizie vere”

Dopo essere stato contattato dai nostri colleghi, Etienne Klein ha spiegato che le sue intenzioni erano principalmente un obiettivo educativo nei confronti degli utenti di Internet. “Questa è la prima volta che faccio una battuta quando sono più su questa rete come una figura di autorità accademica. La buona notizia è che alcuni hanno immediatamente capito l’inganno, ma ci sono voluti anche due tweet per chiarire”, spiega il ricercatore .

Leggi ancheGiove gigante immortalato da James Webb

Mostra anche il fatto che in questo tipo di social network le fake news hanno sempre più successo delle vere notizie. Penso anche che se non dicessi che era una foto James WebbNon avrebbe avuto successo”, spiega. Quattro giorni dopo la pubblicazione della sua foto, il tweet è stato condiviso quasi 10.000 volte e ha suscitato molti commenti divertenti da parte degli utenti della truffa.