Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La stanchezza di alcuni alleati con l’Ucraina è reale”

Dopo otto mesi di pesanti combattimenti, la “stanchezza della guerra” inizierà a tenere d’occhio gli alleati di Kiev, soprattutto a causa delle perdite militari e dei problemi di consegna degli aiuti. Secondo gli Stati Uniti, Kiev non dovrebbe rifiutare esplicitamente i colloqui di pace mentre Vladimir Putin è al potere. Questa richiesta arriva in un momento in cui una certa stanchezza comincia a farsi sentire. Il fatto che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky abbia rifiutato qualsiasi negoziato solleva crescente preoccupazione nei paesi in cui la guerra colpisce gravemente i prezzi di cibo e gas, soprattutto con l’avvicinarsi dell’inverno. “La stanchezza di alcuni alleati con l’Ucraina è reale”ha detto un anonimo funzionario statunitense Washington Post.

Il 24 ottobre, il Washington Post ha rivelato In particolare che “tLa sinistra eletta alla Camera dei Rappresentanti a Washington vuole spingere il presidente Joe Biden a cambiare radicalmente la sua strategia in Ucraina e ad avviare negoziati diretti con la RussiaI 30 funzionari eletti coinvolti lo hanno chiesto al presidente Joe BidenAccompagnare il sostegno economico e militare senza precedenti fornito dagli Stati Uniti all’Ucraina con un’azione diplomatica proattiva e raddoppiare gli sforzi per creare un quadro realistico per un cessate il fuoco.

In Europa, la questione delle sanzioni comincia a spaccarsi nell’opinione pubblica. “Questa guerra ha un costo che gli ucraini stanno pagando caro, ma i paesi europei cominciano a pagarlo anche a livello economico, e quindi a lungo termine a livello sociale”riassunto in Francia Inter Thomas Jomart, Direttore dell’Istituto francese di relazioni internazionali. A medio termine, alcuni specialisti sottolineano che le difficoltà finanziarie associate all’elevata inflazione potrebbero spingere i paesi occidentali a ridurre i loro aiuti materiali e le loro politiche di difesa.

READ  Questa scena lunare tra Carlo III e il primo ministro Liz Truss vaga per il web

Non vogliamo parole, vogliamo azioni.

Un funzionario del Dipartimento di Stato americano ha affermato che la Russia deve fermare i suoi bombardamenti e attacchi missilistici e ritirare le sue forze dall’Ucraina se vuole mostrare la sua volontà di negoziare. “Come abbiamo già detto tante volte: non vogliamo parole, ma azioni.disse l’attore. Il Cremlino continua a intensificare questa guerra. Molto prima dell’inizio dell’invasione dell’Ucraina, la Russia stava dimostrando molto chiaramente di non essere pronta a negoziare seriamente.