Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Sirenetta, l’estetica italiana e “due o tre sloveni”

Tappa di oggi: Copenaghen-Copenaghen (13 chilometri, cronometro)

Come primo boccone, negli ultimi anni gli organizzatori del Tour de France hanno preferito alternare la coda al cronometro. In questa versione, i piloti possono sognare in giallo “Puri esperti”, dichiara Thierry Gouvenou. Il direttore tecnico della manifestazione prevede una velocità media di 54 km/h su percorso pianeggiante, poco tecnico ed è necessario far parlare la potenza. “Gli arrampicatori puri possono già perdere molto tempo”Ha predetto.

Non lo è assolutamente Al crocevia dell’albero, Ma i corridori devono percorrere un “settore” a piedi lungo 200 metri in direzione del Palazzo Reale. Oltre che spettacolo sportivo, questa cronometro è anche un’occasione per scoprire i vari monumenti di Copenaghen, che con i suoi 386 chilometri di piste ciclabili concorre ad Amsterdam per il titolo di capitale del ciclismo.

Predizioni

La ragione

Chinandosi sulla sua macchina, schiacciando i pedali, Filippo Canna è il modello estetico. Meccanica corretta. Un giorno, al microfono di La Chaine L’Equipe, Cyrille Guimard fu invitato a dire: “Guarda come sta bene sulla moto”. Capiamo l’ex direttore sportivo di Bernard Hinault. All’età di 25 anni “The” è l’attuale riferimento nello speciale italiano e attuale doppio campione del mondo. Per il suo esordio alla Grande Boucle, potrebbe scambiare la sua maglia di Ineos con una casacca gialla. Siamo sicuri che sarà molto bello.

il cuore

Il pessimismo ha una faccia: esso Stefano Kung. Cronometro 5e Stato del Tour 2021: lo svizzero di Groupama-FTJ cercherà di consegnare la vittoria al suo capo Mayenne Marc Mediette a Laval. Quando è arrivato Tadej Pogacar. Lo sloveno si è aggrappato a 19 secondi di vantaggio – sulla carta – su un percorso che non gli era tagliato La cui delusione imperversava Successivamente i social network saranno ampiamente deviati. A Copenaghen vogliamo vedere un ampio sorriso sul volto del doppio campione europeo di specialità. Bogakar, aspetterà qualche giorno per ritrovare la sua amata maglia gialla.

READ  Un libro del Vescovo di Corsica tradotto in italiano da Papa Francesco

dichiarato

“A parte due o tre sloveni, il resto è giocabile”

Marc Mediet è ottimista sulle possibilità di podio di David Gaudu, ma l’allenatore Groupama-FTJ vede lo sloveno ovunque. Chi potrebbe essere questo terzo uomo, dietro l’immancabile coppia Boggar-Roglik? Matej Mohoric, esperto di classici? Luka Meskek, il corridore? John Trotnick, il rullo? Marc Madiat, promettiamo che la Slovenia lascerà almeno un posto sul podio a Parigi.

Deviazione del giro

“All’inizio, i danesi hanno mostrato le loro arterie principali per fare un grande giro della città, Si è confidato con Thierry Coveno Monde Cento giorni da questa grande partenza. Ma mentre girovagavo mi dicevo che sarebbe stato un peccato non passare davanti ad alcuni dei capolavori del luogo. » Quindi, dopo nove chilometri, i corridori lasciano i percorsi principali, girano a sinistra ed entrano nel Churchill Park.

Lì vedranno il simbolo della Danimarca: la Sirenetta. Un turista distratto potrebbe passare davanti a una statua del personaggio di Hans Christian Andersen e non notarlo. Normalmente non misura più di 1,25 metri e viene tenuto vicino alla riva. Nessun pilota aveva programmato di venire a salutarla a meno che non fosse stato negoziato molto male.

Il direttore del Tour de France Christian Prudhomme posa davanti alla statua della Sirenetta a Copenaghen il 20 gennaio 2022.

In retrò

Nel 1994, il Tour lasciò Lille con un prologo di 7 chilometri. Luc LeBlan Firma 113e Volta. Niente di cui vergognarsi, l’alpinista Festina ha poco gusto per l’esercizio. La sua prestazione può essere passata inosservata, ma senza contare il corridore che è arrivato un minuto dopo di lui: Chris Boardman.

Specialista in pista, il britannico si è messo in viaggio sei mesi fa con il team francese GAN. Con un occhio attento ai dettagli, ha preparato la sua attività per tagliare a metà le leve dei freni. In ogni caso, ” Anche se cade, JDecise di non toccare il freno “, ha detto più tardi.

READ  Monastera Santa Rosa trasformata in un convento italiano del 17° secolo hotel 5 stelle

Quindi LeBlanc guarda un aereo passare davanti alla casa. Pochi giorni dopo, si è vendicato con un trionfo antologico in cima alla Hautcam (Hautes-Pyrenees), lo stesso palcoscenico in cui Boardman è sprofondato nelle nebbie quando è stato abbandonato molto tempo fa.

Carrello delle scope

Per ascoltare i follower del tour, la tradizionale presentazione delle squadre è diventata da tempo così attraente. Due giorni prima del grande inizio, è stato nei Giardini di Tivoli, uno dei parchi di divertimento più antichi del mondo, situato nel cuore della capitale danese, che i corridori hanno fatto il loro primo bagno di massa.

Tuttavia, è la colonna di uno dei figli della nazione, Magnus Gard Nielsen, che attira sicuramente la nostra attenzione. Per l’occasione, Pancher indossava le zanne – Queste famose barriere di plastica di Roselyne Bachelot – Nei colori della sua creazione, EF Education-Easypost.

Zanne di Magnus Court.

In effetti, quasi l’intero gruppo ha abbandonato le tradizionali scarpe con zeppa, spesso preferendo un semplice paio di scarpe da basket. Per trovarne il motivo è necessario un piccolo balzo in avanti rispetto al tour del 1994. Quell’anno, a Lille, Toulouse Frédéric Moncasin (GAN) entrò all’evento come secondo classificato della Francia, ma non riuscì a raggiungere il podio. Presentazione delle squadre. “Sono scivolato con gli stivali, la tacchetta si è incastrata e mi sono rotta la caviglia! », Ricorda la parte interessata. Il risultato: un prezzo fisso. A quel tempo, va detto che il coccodrillo non era ancora sul mercato.

Una selezione dei nostri articoli sul Tour de France 2022