Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La scoperta dell’acqua attorno a un esopianeta è stata messa in discussione

scienza e spazio

Lo stesso autore dello studio ha messo in dubbio la sua conclusione.

Lunedì, il suo autore ha spiegato che la scoperta dell’acqua nell’atmosfera di un esopianeta potenzialmente abitabile, annunciata con grande clamore nel 2019, è stata messa in discussione in un nuovo studio. “Potrebbe esserci vapore acqueo intorno al K2-18 b, ma al momento non ne siamo sicuri”Lo ha detto all’AFP l’astrofisico Bruno Bezard dell’Osservatorio PSL di Parigi.

I calcoli effettuati utilizzando i dati di quel periodo hanno concluso che è stato rilevato metano, non acqua, secondo lo studio pubblicato giovedì al Cairo. astronomia naturale. Inoltre, anche se il mondo volesse crederci“Non c’è solo metano, ma anche vapore acqueo” Nell’atmosfera del pianeta, si trova nella costellazione del Leone, a 110 anni luce dal sistema solare.

Leggi anche> Come è nata la luna? La scoperta di un esopianeta ci dice di più

Acqua o metano?

L’annuncio del 2019 ha allarmato il mondo degli scienziati planetari, in quanto riguarda i primi – e ad oggi unici – esopianeti situati nella zona cosiddetta “abitabile” del suo sistema solare. Ciò significa che una stella è stata trovata, come la Terra, a una distanza né troppo vicina né troppo lontana dalla sua stella per rendere possibile la vita lì.

Con una massa otto volte quella del nostro pianeta, K2-18 b si qualifica come “Super Terra” o «Mini Nettuno». Uno studio del 2019 ha utilizzato le osservazioni del telescopio spaziale Hubble per analizzare la luce filtrata dall’atmosfera del pianeta. Secondo loro, i loro risultati hanno rivelato la firma molecolare del vapore acqueo.

READ  Sembra sempre attiva la modalità confermata, ma non per tutti i modelli

Il team di scienziati dell’Osservatorio di Parigi e dell’Istituto tedesco Max Planck ha rilevato questi dati. Non contesta la possibilità di rilevare la presenza di acqua lì, ma conferma che i segnali sono registrati Potrebbe essere metano.Secondo il signor Bezard. In particolare mette in dubbio il fatto che lo studio del 2019 abbia escluso qualsiasi scenario in cui l’atmosfera contenga metano, un gas composto da carbonio e idrogeno. “Non vediamo perché preferirebbero modelli senza metano”.Egli ha detto.

Leggi anche> E se gli alieni fossero già bloccati sul loro pianeta? La teoria non folle di un ricercatore tedesco

Il giudice di pace incaricato di decidere sulla questione è già in atto: il James Webb Space Telescope (JWST), molto più efficiente di Hubble, che entrerà presto in servizio. Il tempo di osservazione atmosferica per K2-18 è stato fissato da, secondo Mr. Bezard. “Con ciò, possiamo determinare se c’è davvero vapore acqueo e in quale proporzione”conclude.

con il Belgio