Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La scomparsa di animali legata al cambiamento climatico sarà il doppio di quanto pensavamo

Un nuovo studio esamina gli effetti del riscaldamento combinato e del significativo degrado del suolo sulla fauna terrestre. Simulando gli effetti del cambiamento climatico in una Terra virtuale, sono stati anche in grado di identificare le specie più minacciate e le regioni del mondo più colpite.

Dopo il degrado del suolo, il cambiamento climatico è uno dei Le principali cause di estinzione delle specie È chiaro che le ondate di caldo, la siccità e persino gli incendi hanno un impatto sulla vita degli animali. un Un nuovo studio pubblicato su La scienza avanza Mostra che le conseguenze del riscaldamento globale sono state finora molto sottovalutate, perché non si è tenuto adeguatamente conto delle co-estinzioni: cioè delle estinzioni di specie causate dalla scomparsa di altre specie che da esse dipendono.

Tra gli animali direttamente minacciati nel loro habitat naturale (ovviamente non si tratta di quelli tenuti negli zoo) ci sono mammiferi emblematici come elefanti e koala. La scomparsa di una specie importante è spesso sufficiente a provocare un’onda d’urto in tutto il suo ecosistema. Tutte le specie sono già collegate nell’intricata rete della catena alimentare. Per gli scienziati, riuscire a identificare tutti i legami tra specie diverse è molto complesso, e quindi valutare l’impatto complessivo, in tutte le sue ramificazioni, sulla scomparsa di una specie.

Una simulazione che si svolge su un pianeta virtuale

Così il team di ricercatori italiani e australiani ha utilizzato supercomputer, come quelli usati per modellare l’atmosfera e gli oceani, e prevedere così l’evoluzione del clima. Ma questa volta hanno effettivamente creato una Terra virtuale, con l’intera catena alimentare conosciuta. Per studiarne l’evoluzione, hanno aggiunto alle loro simulazioni le previsioni climatiche e quelle relative al degrado del suolo (deforestazione, agricoltura intensiva, costruzione, ecc.). In questo ipotetico pianeta sono incluse non meno di 15.000 reti di filiere alimentari, con tre reti Scenari per l’evoluzione del cambiamento climatico A seconda delle diverse proiezioni delle emissioni di gas serra. Precisando che lo scenario medio verso il quale ci stiamo dirigendo è di +2,4°C entro il 2050 rispetto ai livelli preindustriali, e di +4,4°C entro il 2100. Se questo scenario medio si concretizzerà (osservando che esistono anche scenari più pessimistici), Diversità della fauna terrestre diminuirà del 10% e del 27% entro il 2100. Questi numeri sono semplicemente il doppio di quelli riportati finora.

READ  Privatizzazione sanitaria | rubare a Pietro per pagare Paolo

I grandi predatori scompariranno a un ritmo allarmante

Carnivori e onnivori, che sono in cima alla catena alimentare (come gli animali terrestri), sono quelli che soffriranno maggiormente la co-estinzione: per queste specie, la loro scomparsa sarebbe del 184% superiore a quanto pensavano gli scienziati prima di questa nuova studia. Se animali come leoni e lupi scompaiono dai loro habitat naturali, le conseguenze saranno disastrose in particolare per la vegetazione. Senza predatori, alcune delle loro prede si riprodurrebbero, spazzando via molte specie vegetali. L’effetto è chiaramente osservato con l’assenza di lupi Parco nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti per molti anni. La loro reintroduzione è stata poi seguita da un’esplosione di diversità all’interno della vegetazione.

La maggiore perdita di biodiversità animale avverrà nelle aree attualmente considerate” punti di attrazione “, gli ambienti più ricchi a scala naturale: tra le 36 regioni del mondo a rischio di estinzione troviamo, ad esempio, la regione fiorita di Città del Capo del Sudafrica, l’Australia sudoccidentale, e in generale foreste tropicali.