Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia è il nuovo paradiso per i marchi automobilistici cinesi

Vendite raddoppiate

Una frettolosa partenza dalla Cina ha approfittato delle case automobilistiche. La Russia mantiene ancora buoni rapporti con la Cina e ha collaborato per assemblare e distribuire modelli cinesi sul suo territorio. La strategia si concretizzò rapidamente, con l’introduzione delle prime auto cinesi Vecchia fabbrica Renault Mosca da novembre, alla stessa ora Il badge Moskvich è rinato.

Di più gelatinaAnche , Chery, Haval, i più importanti produttori cinesi, hanno raddoppiato le loro immatricolazioni nel Paese. Da gennaio a novembre 2022 sono passate da 8.235 a 16.138 unità. Un grado che ora permette loro di avere il 31,3% della quota di mercato, ovvero quasi un terzo! Sebbene siano ancora dominati dai marchi nazionali (Lada, GAZ, UAZ, ecc.), i marchi cinesi sono più bravi a generare valore, poiché si collocano nei segmenti superiori e gli occidentali li ignorano. In termini di valore, sono i marchi cinesi ad essere in affari!

La Cina è il paese più grande del mondo

Una vera opportunità, il mercato automobilistico russo conta circa 800mila immatricolazioni annue. Come in Francia e in Europa, le case automobilistiche cinesi sono in aumento. Sono finiti i modelli bassi e seri di vent’anni fa. Le auto cinesi ora sono ben rifinite, tecnologiche, sicure e soprattutto a prezzi più bassi. Nel 2023 rafforzeranno la loro presenza nel Paese e la loro quota di mercato è già stimata al 35% nei prossimi mesi. Una presenza che dovrebbe essere ancora più incisiva nei prossimi anni, e cambiare profondamente il panorama automobilistico russo europeo.