Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia avverte che ciò non farà che prolungare le sofferenze degli ucraini

La consegna di fanteria corazzata e altre armi all’Ucraina la scorsa settimana da parte di diversi paesi occidentali non farà che “prolungare le sofferenze” degli ucraini e non “cambierà” l’equilibrio del potere, ha affermato il Cremlino.

“Europa, NATO e Stati Uniti hanno già versato decine di miliardi di dollari in Ucraina e spedizioni di armi”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

“Fondamentalmente, queste spedizioni non possono e non cambieranno nulla”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.”Queste spedizioni non faranno che prolungare la sofferenza del popolo ucraino”. La scorsa settimana, gli Stati Uniti e la Germania hanno dichiarato di voler consegnare fanteria corazzata, poiché la Francia ha annunciato l’invio di carri armati leggeri a Kiev.




di video

Supporto finanziario e militare

La scorsa settimana, gli Stati Uniti hanno annunciato nuovi significativi aiuti militari all’Ucraina per un valore di oltre 3 miliardi di dollari, inclusi 50 Bradley e dozzine di altri veicoli blindati.

Berlino, da parte sua, ha dichiarato di voler inviare all’esercito ucraino 40 veicoli corazzati “Mardier”, e veicoli corazzati leggeri destinati al trasporto truppe, nel primo trimestre del 2023, oltre a una batteria di difesa antiaerea Patriot.

La Francia ha dichiarato di aver inviato un numero imprecisato di carri armati leggeri AMX-10 RC. Dall’inizio dell’attacco russo all’Ucraina nel febbraio 2022, i paesi occidentali hanno sostenuto Kiev fornendo sostegno finanziario e militare, in particolare con la consegna di cannoni.

E le autorità ucraine chiedono carri armati pesanti da utilizzare nelle fasi dell’attacco, ma gli alleati finora si sono rifiutati di farlo per paura di provocare un’escalation con Mosca.

READ  Dopo essere stato licenziato da BFMTV, Jean-Jacques Bourdain trova lavoro!