Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La riunione sulla salute di Vancouver si conclude senza un accordo federale

Il governo federale si è ritirato da una dichiarazione congiunta con i ministri della salute provinciali e territoriali, ponendo fine agli incontri tanto attesi a Vancouver senza alcun accordo per aumentare i finanziamenti per l’assistenza sanitaria.

Descrivendo la fine degli incontri come “deludente”, il ministro della Salute della Columbia Britannica Adrian Dix ha affermato che i ministri provinciali e territoriali sono uniti dietro una richiesta di aumentare i finanziamenti federali dal 22% al 35% della loro spesa sanitaria.

In un comunicato diffuso dal Consiglio della Federazione, che comprende i 13 capi ministri provinciali e territoriali, martedì i capi provinciali e territoriali “rinnovano la loro chiamata urgente” per raggiungere un accordo permanente con il governo federale sui finanziamenti. dell’assistenza sanitaria attraverso il Canada Health Transfer (CHT).

In una conferenza stampa a Vancouver martedì sera, il signor Dix ha espresso disappunto per il fatto che il governo federale non avesse fornito alcun dettaglio sulla quantità di denaro. “Personalmente, sono deluso, ma non deluso. Abbiamo una determinazione di base per andare avanti e fare il lavoro per i canadesi”, ha detto il signor Dix.

Ha evidenziato il lavoro svolto dal governo federale durante la pandemia. COVID-19 Spera di voler collaborare nuovamente con le province ei territori.

Anche il ministro della Salute del Quebec, Christian Dube, ha partecipato alla conferenza federale-regionale-regionale tenutasi martedì. Ha detto ai giornalisti che questo non era il risultato che lui ei suoi colleghi si aspettavano.

Tuttavia, il signor Dube ha sottolineato che, anche se stava aspettando i fondi federali per migliorare il sistema sanitario, non avrebbe aspettato di fare gli investimenti necessari. Ha ribadito che i fondi federali devono essere pagati incondizionatamente. “Perché in questo momento non aspettiamo le condizioni, spesso facciamo investimenti che sono al di sopra delle nostre teste e sono molto più grandi di quanto dovremmo fare e questo richiede l’aiuto del governo federale.

READ  “Lavorare sui morti mi collega ai vivi”: con Bizarreum, Juliette Cazes pubblica il funerale

Il signor Dube si è detto deluso di non avere dettagli sugli importi o sui termini. “Ognuno ha lo stesso obiettivo, che è dire al governo federale: ‘Ascolta, possiamo fare il lavoro, ma ora abbiamo bisogno del tuo aiuto e dobbiamo ottenerlo incondizionatamente.'”

Il ministro della Salute federale Jean-Yves Duclos ha dichiarato lunedì che le province e i territori devono accettare di utilizzare indicatori sanitari comuni e creare un sistema di dati sanitari di “classe mondiale” per il paese.

I capi provinciali e territoriali hanno chiesto all’unanimità un aumento delle somme di denaro per più di due anni.

I primi ministri incolpano di Duclos

Jean-Yves Duclos ha reagito con decisione alla conclusione dell’incontro, confermando che i capi provinciali e territoriali avevano chiesto al ministro della Salute di assicurarsi che non ci fosse un accordo.

Cominciò osservando che non tutti i progressi sperati erano stati realizzati.

Il Sig. Duclos ha affermato che dal febbraio 2022, e nei mesi precedenti – su iniziativa delle province e dei territori – i funzionari federali hanno lavorato “duro” per collaborare a due iniziative “veramente importanti” che sperava potessero annunciare e attuare oggi.

Ciò include lo sviluppo di un piano d’azione pan-canadese per affrontare le sfide della forza lavoro, nonché la strategia canadese per i dati sanitari. “Prima della fine dell’incontro e anche prima della fine delle discussioni su questi due punti chiave, i capi provinciali hanno rilasciato una dichiarazione definendo l’incontro un fallimento”, ha lamentato il signor Duclos.

Nonostante il gesto di apertura di ieri, i ministri provinciali e territoriali sono stati istruiti dal presidente del Consiglio di non compiere ulteriori progressi. Pertanto, i Premier ci hanno impedito di intraprendere azioni reali e tangibili che avrebbero fatto la differenza immediata nella vita quotidiana degli operatori sanitari e dei pazienti. È chiaramente deludente”, ha detto.

READ  Affaire Ferrero: Salmonella, E.coli… des bactéries communes, aux souches parfois très virulentes

Il signor Duclos ha anche toccato la pandemia per sottolineare che lavorando insieme è possibile fare le cose in modo diverso. Ha puntato il dito accusatore contro i capi provinciali e territoriali, dicendo che stavano impedendo ai ministri della salute di svolgere il loro lavoro e di lavorare insieme in modo costruttivo. “I primi ministri costringono i miei colleghi a parlare della stessa cosa: soldi”.

Trudeau vuole risultati

Primo Ministro del Canada, Giustino TrudeauLunedì, ha detto che il governo federale voleva vedere i risultati della distribuzione del denaro e lo ha confermato martedì in una conferenza stampa a Oromucto, nel New Brunswick.

“Abbiamo bisogno di un sistema sanitario efficace. Abbiamo bisogno di risultati. I canadesi hanno bisogno di un medico di famiglia, abbiamo bisogno di un accesso più rapido ai servizi di salute mentale e dobbiamo assicurarci che i nostri pronto soccorso non siano sovraffollati; che i nostri infermieri e medici possano lavorare in modo appropriato per coprire i bisogni.” “Non si tratta solo di soldi, si tratta di ottenere quei risultati”, ha detto Trudeau.

Alla domanda se le contee hanno bisogno di più trasferimenti sanitari con tagli alle tasse, Trudeau ha detto: “Non sono i soldi persi nei sistemi di contea se inviano assegni alle persone che ne hanno più bisogno o danno tagli alle tasse ai ricchi.

Secondo una dichiarazione del Consiglio della Federazione, i ministri della Salute provinciali e territoriali continueranno a lavorare insieme mentre attuano i propri piani per migliorare l’erogazione dell’assistenza sanitaria.

A marzo, il Quebec ha adottato il suo piano per attuare i cambiamenti necessari nel campo della salute, in particolare per quanto riguarda le risorse umane, la tecnologia dell’informazione, i dati e le infrastrutture.

READ  Salute: DMS Imaging apre il suo nuovo stabilimento a Gard

Vediamo nel video