Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La reazione di French Montana alla sparatoria di Miami

“Ieri sera (giovedì 5 gennaio) ero a Miami per festeggiare l’uscita del mio mixtape CB6 con alcuni amici in un ristorante locale”, ha scritto French Montana sul suo account Twitter. “Sfortunatamente, eravamo nel posto sbagliato al momento sbagliato quando si è verificato un incidente che ha lasciato molte persone ferite. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con le vittime e le loro famiglie in questo momento”.

Da leggere: Riprese durante le riprese di una clip per French Montana (video)

Una sparatoria si è verificata presso il ristorante Soul Food vicino a Northwest 27th Avenue e 177th Street, The Licking a Miami Gardens, in Florida, poco prima delle 20:00 (ora locale) di giovedì 5 gennaio, riporta 7News. “Era così veloce, sembrava un fucile d’assalto. Ho iniziato a correre. […] Sono state almeno 13, 14, 15 riprese”, ha detto il rapper Sid Mogul, che ha detto di essere andato al ristorante per vedere un video musicale del rapper French Montana. Secondo lui, il furto di un orologio e di un portafoglio sarebbe la causa della sparatoria.

Da leggere: Girare una clip per Don Bigg si trasforma in un dramma

Alle 22:00 ora locale, la detective Diana Georgi di Miami Parks ha confermato che ci sono stati diversi colpi di arma da fuoco e feriti e che lei e la sua squadra sono ancora sulla scena. Ma non ha fornito dettagli sul numero dei feriti e le indagini sono ancora in corso. Ma secondo testimoni oculari, dieci persone sono rimaste ferite. Quattro vittime sono state trasportate in aereo al Rider Trauma Center. Una delle vittime sarebbe in gravi condizioni.

READ  Florent Bagni presente o no alla regia "La voce è la voce più bella"? TF1 rompe il silenzio

Da leggere: Il Montana francese svela “Marocco” la sua canzone sui leoni dell’Atlante (video)

Il capo della polizia di Miami Gardens Noel Pratt, in una dichiarazione di venerdì, ha definito l’incidente una “tragedia insensata” che avrebbe potuto essere evitata se gli organizzatori avessero ottenuto i permessi richiesti dalla città. Ha aggiunto: “Se le agenzie necessarie fossero state informate in anticipo e il protocollo seguito, la polizia sarebbe stata in atto per proteggere la comunità e aiutare a scoraggiare e rispondere a qualsiasi situazione che potesse sorgere, se necessario”.