Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La nuova minaccia di Putin: questo è ciò che chiede o raggiunge nuovi obiettivi

Diverse esplosioni si sono verificate all’alba di oggi nel sud-est della capitale ucraina nelle regioni di Darnitsky e Dniprovsky e una persona ferita è stata portata in ospedale, secondo il sindaco di Kiev Vitali Klitschko e testimoni oculari.

“Ho sentito di sei esplosioni alle 5:57”, ha detto all’AFP Natalia, 72 anni, che è stata svegliata dall’attentato.

Secondo i giornalisti dell’AFP sul posto, l’esercito ha allestito un corridoio di sicurezza attorno a un obiettivo proibito, un’infrastruttura ferroviaria. Un edificio rosa di 10 piani con tutte le finestre sfondate.

“L’aggressore continua a lanciare missili e condurre attacchi aerei sulle infrastrutture militari e civili del nostro Paese, in particolare a Kiev”, ha scritto sulla sua pagina Facebook lo stato maggiore dell’esercito ucraino.

Secondo l’aviazione ucraina, diversi missili da crociera sono stati lanciati in direzione di Kiev da aerei russi TU-95 di stanza nel Mar Caspio e uno di questi è stato distrutto.

L’infrastruttura ferroviaria è stata presa di mira, secondo varie fonti ucraine, inclusa la compagnia ferroviaria Ukrzaliznytsia.

Mosca ha affermato di aver distrutto i carri armati consegnati dai paesi dell’Europa orientale.

“Missili ad alta precisione a lungo raggio (…) sono stati lanciati alla periferia di Kiev, distruggendo i carri armati T-72 forniti dai paesi dell’Europa orientale e altri veicoli corazzati che si trovavano negli hangar per aerei”, ha affermato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Dal canto suo, la società ucraina Energoatom, che gestisce le centrali nucleari del Paese, ha annunciato che un missile era volato “a livello molto basso sopra la centrale di Bivdino-Ukranska”, nella regione di Mykolaiv (sud), denunciando “l’atto del terrorismo nucleare”. Secondo Energoatom, “è possibile che questo missile sia stato lanciato verso Kiev”.

READ  La guerra in Ucraina: una massiccia nuova ondata di attacchi russi

La capitale, attorno alla quale è stato allentato il laccio russo a fine marzo/inizio aprile, non viene colpita dal 28 aprile, giorno della visita del segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

“Prolungare il conflitto”

Poco dopo questi bombardamenti, il presidente russo ha avvertito che Mosca avrebbe colpito nuovi obiettivi se l’Occidente avesse fornito all’Ucraina missili a lungo raggio, che secondo lui miravano a “prolungare il conflitto”.

In caso di tali consegne, la Russia colpirebbe “siti che non abbiamo ancora preso di mira”, ha detto Putin al canale televisivo Russia-1, senza ulteriori dettagli.

Queste dichiarazioni arrivano pochi giorni dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato la loro decisione di consegnare all’Ucraina più lanciamissili con una portata fino a 80 chilometri.

Gli esperti militari notano che questo raggio è leggermente più ampio di quello di sistemi russi simili, il che consente alle forze di Kiev di colpire l’artiglieria nemica da lontano.

Battaglie decisive a Severodonetsk

Nel frattempo, nell’Ucraina orientale, sono proseguiti i combattimenti decisivi a Severodonetsk, nel cuore dell’offensiva russa nel bacino minerario del Donbass. Questa regione orientale è stata parzialmente controllata dai separatisti filo-russi dal 2014 e Mosca spera di occuparla completamente.

Nelle ultime ore, ciascuna parte ha annunciato progressi a Severodonesk, la capitale amministrativa ucraina della regione di Lugansk.

I russi controllavano circa il 70% della città, ma negli ultimi due giorni sono stati cacciati. La città è divisa in due e hanno paura di muoversi liberamente lì”, ha detto domenica mattina a Telegram Serguiï Gaïdaï, il governatore ucraino della zona.

Sabato scorso, il sindaco della città, Alexander Stryuk, ha confermato che “i nostri soldati sono stati in grado di ridistribuire per costruire una linea di difesa. Al momento, stiamo facendo il necessario per riprendere il pieno controllo” della città, in particolare attraverso “battaglie di strada”. ‘.

READ  Bambina di 9 anni salva la vita dei suoi genitori grazie a Face ID: "Era così spaventoso"

Ma al contrario, sabato il ministero della Difesa russo ha dichiarato che le unità ucraine “hanno subito enormi perdite durante i combattimenti per Severodonetsk (fino al 90% in diverse unità)” si stanno ritirando a Lyschansk, la grande città vicina.

Per l’American Institute for the Study of War (ISW), la dinamica è cambiata e ora le forze ucraine sono “riuscite a rallentare (…) gli attacchi russi a Severodonetsk attraverso contrattacchi locali accurati ed efficaci”.

Combattere su altri fronti

I combattimenti continuano su altri fronti. Secondo il ministro della Difesa ucraino, “la Russia continua a fare sforzi per occupare completamente il nostro Paese”. Oleksich Reznikov ha affermato che il Cremlino sogna di “accumulare terre” che considera “proprie”, inclusi “Polonia, stati baltici, Slovacchia e altri”.

Crimea, Donbass, Ucraina meridionale: Complessivamente, la Russia è triplicata dall’inizio dell’invasione e l’area del territorio ucraino sotto il suo controllo ha raggiunto i 125.000 chilometri quadrati, ovvero il 20% del Paese, secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

E nella regione di Kherson, nel sud, la presidenza ha annunciato che Mosca “continua a bombardare i territori occupati e le postazioni dell’esercito ucraino”, che teme una crisi umanitaria nelle aree sotto il controllo dei russi.

“questione di sopravvivenza”

Sul fronte diplomatico, sabato il ministro degli Esteri ucraino ha risposto al presidente francese Emmanuel Macron che ha ribadito il giorno prima che non era necessario “umiliare la Russia” per mantenere le porte di un’uscita diplomatica.

Faremmo meglio a concentrarci tutti su come mettere a posto la Russia. Ciò porterà pace e salverà vite”, ha risposto Dmytro Koleba, ritenendo che la posizione di Macron possa solo “umiliare la Francia”.

READ  La Russie sous pression internationale croissant, combats dans le nord-est de l'Ukraine: le point ce lundi 28 février

Allo stesso tempo, la USS Kearsarge aveva sede a Stoccolma. È la più grande nave da guerra statunitense attraccata nel porto della capitale svedese.

Il generale Mark Milley, capo di stato maggiore degli Stati Uniti, ha affermato prima delle esercitazioni navali annuali della NATO nel Mar Baltico.

Domenica sera, a Cardiff Park, gli ucraini cercheranno di ottenere un’altra vittoria, che qualificherebbe la nazionale ai Mondiali.