Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA sta per tornare sulla luna con il razzo più potente del mondo

È tempo che Artemis, il razzo più potente del mondo, faccia il suo primo volo. Cinquant’anni dopo l’ultimo volo dell’Apollo, la NASA si prepara a un decollo molto simbolico.

Intorno a Cape Canaveral, gli hotel sono esauriti, con tra le 100.000 e le 200.000 persone che dovrebbero assistere allo spettacolo, previsto per le 8:33 ora locale. Dalla cima di 98 metri, la macchina arancione e bianca è già stata incoronata per una settimana sulla rampa di lancio 39B del Kennedy Space Center.

“Puoi sentire l’eccitazione e l’energia è aumentata così tanto, è davvero tangibile”, ha detto Janet Petroe, direttrice del centro, in una conferenza stampa dal suo lancio.

Elfo con sensori

Lo scopo di questa missione, chiamata Artémis 1, è testare un razzo SLS (Space Launch System) in condizioni reali, con la capsula Orion in cima, dove correranno i futuri astronauti. Al momento, a bordo sono presenti solo bambole con sensori per la registrazione di vibrazioni e livelli di radiazioni.

Le telecamere a bordo ti permetteranno di seguire questo viaggio, che dura in totale 42 giorni. Nel programma c’è uno strepitoso selfie con la terra e la luna sullo sfondo.

Una volta in orbita, Orion orbiterà intorno alla Luna una volta e mezza (380.000 km di distanza), avventurandosi dietro di essa fino a 64.000 km di distanza, più lontano di qualsiasi altro veicolo spaziale abitabile fino ad oggi. L’obiettivo principale è quello di testare il suo scudo termico, che, al suo ritorno nell’atmosfera terrestre, dovrà sopportare una velocità di circa 40.000 km/he una temperatura pari alla metà della temperatura della superficie del Sole.

READ  Windows 11 build 22610 include nuovi bug, recensione

L’Agenzia spaziale europea (ESA) è stata incaricata dalla NASA di costruire l’ESM, un cilindro di circa quattro metri di diametro e alto sotto la capsula di Orione. Sarà responsabile del trasporto su e intorno alla Luna dopo la separazione dal palco principale del veicolo di lancio SLS, circa otto minuti dopo il decollo. Costruito da Airbus Defence and Space in Germania, questo sistema fornirà anche elettricità alla capsula Orion utilizzando quattro pannelli solari e acqua, ossigeno e controllo termico essenziali per la vita degli astronauti lì presenti.Viaggerà dalla seconda missione Artemis .

“Incredibilmente difficile”

Migliaia di persone hanno contribuito a questa missione, in 50 stati degli Stati Uniti e in diversi paesi europei. Tutti gli appassionati di spazio ora sono dipendenti dal tempo, che può essere volubile in questo periodo dell’anno. Il lunedì, la finestra di ripresa è superiore alle due ore e le date di backup sono fissate per il 2 o il 5 settembre.

A parte questo fattore incontrollabile, tutto è pronto: i funzionari della Nasa hanno dato il via libera dopo un ultimo esame approfondito. Hanno avvertito che ciò non significa che tutto andrà liscio durante il volo. “Stiamo facendo qualcosa che è molto difficile e ha dei rischi intrinseci”, ha affermato Mike Sarafin, responsabile della missione.

Nonostante i numerosi test iniziali, i diversi elementi della capsula e del razzo (non riutilizzabile) voleranno insieme per la prima volta. La NASA ha promesso di spingere l’auto al limite. La missione continuerà anche se i pannelli solari di Orion non verranno schierati come previsto, un rischio che non verrebbe affrontato da un equipaggio.

Obiettivo di Marte

Ma un completo fallimento sarebbe comunque devastante, per un razzo con un enorme budget di 4,1 miliardi di dollari per lancio che ha trovato il controllo pubblico, è ben oltre la sua data di scadenza, imposta dal Congresso degli Stati Uniti nel 2010, con il decollo inizialmente previsto nel 2017.

READ  Fortnite: come aderire al programma Presenta un amico

Mentre il programma Apollo consentiva solo agli uomini bianchi di camminare sulla luna, il programma Artemis intende inviare lì la prima donna e la prima persona non bianca. Dopo questa prima missione, Artemis 2 porterà gli astronauti in orbita attorno alla Luna, senza atterrarvi. Questo onore sarà riservato all’equipaggio di Artemis 3, previsto al più presto per il 2025.

A differenza delle missioni Apollo una tantum, l’obiettivo di Artemis è quello di stabilire una presenza umana permanente sulla Luna, costruendo una stazione spaziale in orbita attorno ad essa (un gateway) e una base sulla superficie.