Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La mummia di un bambino del 17° secolo rivela di non essere mai stato esposto al sole in vita sua

Alla fine di ottobre 2022 sono stati pubblicati sulla rivista i risultati di un entusiasmante studio il confine A proposito di una mummia naturale trovata in Austria. Un’autopsia virtuale del minuscolo cadavere di centinaia di anni ha permesso ai ricercatori di saperne di più sulla sua salute durante la sua vita. Il ragazzino, che al momento della sua morte aveva tra i 10 ei 18 mesi, non lo è primo Non solo chiunque, dal momento che i suoi resti sono nella cripta di Starhemberg Tales. D’altra parte, le sue condizioni di vita rimangono ambigue.

La cripta del villaggio di Hellmonsödt custodisce i corpi della famiglia Starhemberg, una delle più antiche famiglie aristocratiche dell’Austria. Quest’ultimo fu accuratamente sepolto in questo luogo dal XVe secolo. Tutti i defunti sono identificati con i loro nomi tranne un bambino sepolto nella cripta. Questo bambino, naturalmente mummificato, non è associato ad alcun cognome o nome. RicercatoriDopo che la diocesi locale gli ha permesso di condurre uno studio, ha voluto saperne di più su di lui.

studi non chirurgici

Seppellisci il bambino che indossa un cappotto seta L’alta qualità testimonia la sua nascita in una famiglia di alto rango sociale. Nessuna traccia di incisione o manipolazione è stata osservata sulla pelle della mummia imbalsamata del bambino, il che dimostra che non vi è stato alcun atto volontario di mummificazione. Grazie TAC, è stato possibile conoscere meglio il corpo senza danneggiarlo. È stato prelevato un piccolo campione di tessuto molle per determinarne la composizione e il risultato è chiaro: il bambino aveva una grande massa di tessuto adiposo, cioè in altre parole. Per quanto riguarda lo scheletro visto grazie alle immagini non invasive, si scopre comunque che era fatiscente. Come spiegare questo rachitismo quando il bambino sembrava nutrirsi bene?

READ  Intervista al Direttore Generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Chi è questo bambino e come è stata la sua vita?

Come sottolinea il gruppo di ricerca, è difficile capire la vita dei bambini in questi tempi, perché il numero di piccoli oggetti disponibili per la ricerca non è abbastanza grande per studi approfonditi. Questa mummia è un caso eccezionale per cercare di scoprire di più. La seconda fase di questa ricerca è stata condotta sul lato dell’archivio al fine di determinare la possibile identità del bambino. Confronto del risultato della datazione Carbone 14 E nei registri della chiesa, il team ha scoperto alcuni nomi di bambini morti a un’età simile che potrebbero corrispondere. Spicca una persona, Reichard Wilhelm nato e morto tra il 1625 e il 1626, primo figlio di Erasmus der Junger. Le cause del rachitismo, nonostante una buona alimentazione, sembrano corrispondere ad una completa mancanza di esposizione alla luce e al sole. Alla luce dei risultati, ha prevalso la polmonite.

Questi risultati sollevano interrogativi sulle condizioni educative di questo bambino, che a quanto pare non ha visto abbastanza luce durante la sua vita. Un caso che potrebbe aver causato la sua morte in tenera età. I suoi genitori avevano paura che la sua salute peggiorasse esponendolo all’esterno? Erano più protettivi nei confronti del loro bambino? D’altra parte, è impossibile generalizzare sulle condizioni di vita dei figli dell’aristocrazia in quel momento. Pertanto, dovremo trovare più residui dello stesso periodo per ottenere un insieme di stati. Un’occasione per ricordare che lo studio del corpo non è importante perché è un individuo che ha vissuto e la cui cura deve continuare ad essere ricercata e preservata.

READ  Vivalto Santé pubblica una piattaforma di innovazione collaborativa